Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rinascita culturale parte dalle periferie: ecco il progetto che "riaccende le luci" della Capitanata

Presentato "Al buio al buio!", progetto finanziato con il Bando 'Periferie al centro', che mira ad attuare un percorso di innovazione culturale e sociale operando la forma più importante di inclusione sociale: la partecipazione attiva dei cittadini che vivono in condizione di isolamento culturale e geografico

 

Si intitola "Al buio al buio!", il progetto ideato dalla Piccola Compagnia Impertinente, e finanziato con il bando Periferie Al Centro - Intervento di Inclusione culturale e sociale della Regione Puglia del Teatro Pubblico Pugliese, che coinvolge i comuni di Pietramontecorvino, San Marco la Catola, Roseto Valfortore e Casalnuovo Monterotaro. 

Il progetto mira ad attuare un percorso di innovazione culturale e sociale operando la forma più importante di inclusione sociale: la partecipazione attiva dei cittadini che vivono in condizione di isolamento culturale e geografico. Il progetto trasforma il teatro, una piazza, un museo, in luoghi aperti a tutti, abbatte le barriere per avvicinare tutti, disabili e non, alla scienza, al teatro, alla storia e all’arte.

Tutta le piccole comunità, scuole comprese, verranno coinvolte in percorsi culturali che abbattono sempre di più le distanze fisiche e intellettive e che allontanano i cittadini dai luoghi della cultura.

"Le periferie - spiega il direttore artistico del progetto Pierluigi Bevilacqua - rappresentano un grosso bacino d'utenza, oltre che un motore portante di una provincia molto ampia con delle ricchezze straordinarie. L'obiettivo è quello di legare le ricchezze naturalistiche alla cultura. Un'idea semplice di riaccendere le luci soprattutto in un periodo di destagionalizzazione in cui i comuni possono offrire ai propri abitanti una offerta culturale ampia e di qualità in grado di far giungere anche visitatori da fuori", 

"Inclusione sociale e culturale per avvicinare i comuni che non hanno la possibilità di avere un cinema o un teatro, di assaporare la cultura e di viverla", ha commentato Lucilla Parisi, sindaco di Roseto Valfortore. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento