Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | A Foggia 1522, storie di violenza di ieri e di oggi

1522 è il numero gratuito al quale rivolgersi contro una violenza e 1522 è il nome dello spettacolo andato in scena giovedì all'Ordine dei Medici a cura dell'Associazione Scenaperta. Storie di violenza di ieri e di oggi per non dimenticare e festeggiare al contempo il primo compleanno di Vìola Dauna, il progetto di volontariato nato a Foggia il 29 giugno 2016 dal desiderio dei soci fondatori di essere riconosciuti come un'unica entità operante in Capitanata nell'attività di formazione ed informazione dei Medici di Cura primaria sul tema della violenza domestica e maltrattamento ai minori.

Perché la consapevolezza maturata è il medico di base, il primo possibile alleato della violenza domestica ed assistita, colui che meglio e prima di chiunque altro può scorgere i segni evidenti di un dramma familiare. In prima fila, tra operatori e medici, il prefetto Maria Tirone. E un pensiero a Luigia Campanaro, la giovanissima, investita e uccisa il 20 novembre del 2016 in via Gramsci, che avrebbe dovuto essere lì, giovedì, assieme alle altre scarpette rosse per dire no alla violenza.

Accorato il saluto della madre, letto prima dello spettacolo. Reduce da  importanti riconoscimenti anche al Wonka di Copenaghen, da oggi Vìola Dauna, ha anche un sito web, violadauna.it, e si prepara il prossimo evento a Foggia, in occasione del 25 novembre quando ospiterà nomi di rilievo per parlare del fenomeno e aiutare le donne ad uscire dall'ombra.

Si parla di

Video popolari

VIDEO | A Foggia 1522, storie di violenza di ieri e di oggi

FoggiaToday è in caricamento