Conte mette la firma sull'Adriatica, la 'Zona Economica Speciale Interregionale' che farà ripartire Foggia e la Puglia

La firma del Premier sul decreto. Sono previsti notevoli benefici in termini fiscali e di semplificazione amministrativa. La nota dell'assessore regionale allo Sviluppo, Mino Borraccino

La Zes Adriatica

“La Zona Economica Speciale Interregionale “Adriatica” è finalmente realtà. E’ stato sottoscritto ieri, infatti, dal presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, il decreto di formale istituzione della ZES che completa un lungo e articolato percorso che, come Governo regionale, ci ha visti impegnati per diversi mesi in un costante e proficuo confronto innanzitutto con l’Amministrazione regionale del Molise (altra regione interessata dalla ZES “Adriatica”) e con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, senza dimenticare l’ampia concertazione condotta con tutti i soggetti del partenariato economico-sociale e con le tante istituzioni locali coinvolte". Ad annunciarlo è l'assessore allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino.

Zes, Porreca non ci sta: "Foggia relegata ai margini"

La nota dell'assessore regionale

"Si tratta di un obiettivo di straordinaria importanza perseguito e raggiunto dal Governo regionale con forza e determinazione, che segue solo di poche settimane l’istituzione già formalizzata della ZES “Jonica”, facendo della Puglia l’unica regione italiana ad avere due ZES interregionali sul proprio territorio.

Ora ci sono tutte le condizioni, affinché il sistema produttivo e imprenditoriale pugliese possa cogliere la grande opportunità rappresentata dai notevoli benefici, in termini fiscali e di semplificazione amministrativa, che questo strumento comporterà, consentendo di generare, nel vasto territorio perimetrato della ZES “Adriatica” (esattamente come avverrà per la ZES “Ionica”), un significativo impulso in termini di crescita economica e occupazionale.

Ora che il complesso iter amministrativo e burocratico è completato, parte la sfida più avvincente e cioè quella finalizzata a rendere concreti ed effettivi i benefici della Zona Economica Speciale, puntando anche ad attrarre sul territorio potenziali investitori esteri interessati ad insediare le loro attività nell’area della ZES al fine di beneficiare di questa grande opportunità. Lavoreremo alacremente, come Governo regionale, a questo scopo, soprattutto con una intensa attività di marketing e informazione, anche su scala internazionale, finalizzata a far conoscere i vantaggi di investire in queste aree della Puglia.

Esprimo, infine, il mio ringraziamento al Ministro Barbara Lezzi per il grande lavoro svolto, con passione e competenza, al fine di ottenere questo importante risultato che è giunto proprio nell’ultimo giorno di sua permanenza al Dicastero per il Sud.

Abbiamo lavorato alacremente, in questi mesi, nel massimo rispetto reciproco in uno spirito di leale collaborazione tra diversi livelli istituzionali, avendo come stella polare unicamente il perseguimento degli interessi dei cittadini. Sono molto soddisfatto, per questo, e sono certo che con lo stesso spirito di collaborazione si potrà continuare a lavorare con il nuovo Governo nazionale che, in queste ore, si insedia ufficialmente”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Cerignola: spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si toglie la vita

  • Scacco al clan: maxi operazione antimafia di Carabinieri e Cacciatori, 50 arresti (anche a Foggia e Cerignola)

  • Mamma 'scatenata', in auto con i figli minori forza posto di blocco e avvia pericoloso inseguimento

  • Mafia garganica: catturato alle Canarie 'U meticcio', è rientrato in Italia dopo l'arresto del blitz 'Neve di Marzo'

  • Aggredito il consigliere comunale Massimiliano Di Fonso: picchiato da 5 uomini, finisce in ospedale

  • Ladri di olive in azione, dipendenti del frantoio fingono di non accorgersene. Irrompono i carabinieri, un arresto e furto sventato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento