Tra marketing e tradizioni, il dépliant del supermercato "parla" foggiano: l'iniziativa

A varare l'iniziativa è il supermercato "La Prima": i prodotti sono indicati in dialetto foggiano, con tanto di traduzione ‘scientifica’ Italiano-Foggiano a cura di Giuseppe Donatacci, docente dell’Università del Crocese

Tutti i foggiani lo avranno già ricevuto nella casella della posta, direttamente a casa. Ma questa volta non si tratta del ‘solito’ dépliant delle offerte di un supermercato cittadino.

La particolarità del volantino merceologico in questione sta tutta nella lingua utilizzata per illustrare le offerte: né italiano, né inglese. Le offerte si leggono in dialetto foggiano, con tanto di traduzione ‘scientifica’ Italiano-Foggiano a cura di Giuseppe Donatacci, docente dell’Università del Crocese, scuola di tradizioni.

A varare la singolare iniziativa è il supermercato “La Prima”, che con un piccolo editoriale in calce al dépliant assicura che non si tratta solo di una (seppur riuscita) operazione di marketing: “Il nostro impegno è quello di volgere sempre maggiore attenzione al territorio, con una continua ricerca delle eccellenze e una rivisitazione delle nostre radici. Non solo esposizione di prezzi, ma esaltazione delle origini”.

E allora, via libera all’acquisto di “paste freska chiena, tutt’i specie” (pasta ripiena, vari tipi), “cashtelle d’aqque” (faldoni di acqua), “gorgonzole ammisckate cu’ mastcarpone” (gorgonzola misto a mascarpone) e “mmesck de pesc iannghe e rusce” (pesce misto). Spazio anche a prodotti per l’igiene personale e per la casa – “sapon p’u bide’” (detergente intimo), “sckume d’a varve” (schiuma da barba), “detersive specijale pe’ n’derre” (detergente pavimenti) – tutto al richiamo del “Mamm’ che prezz’” di copertina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il successo di questa iniziativa si evince dal fatto che i volantini in questione sono andati a ruba - spiega Donatacci - diventando un vero e proprio ‘oggetto di culto’. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, alcuni collezionisti sarebbero pronti, nei prossimi giorni, a vendere il volantino su e-bay poiché si tratta di un vero e proprio vocabolario di dialetto foggiano con alcuni neologismi annessi”. Poi, sfida gli esperti di cultura del territorio: “Trasformiamo il nostro dialetto in lingua: poche regole chiare, certe e condivise”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Conte firma il nuovo Dpcm: locali chiusi a mezzanotte, feste in casa massimo in sei e quarantena da 14 a 10 giorni

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento