menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La S.P. 141 fuori dal Contratto di sviluppo della Capitanata, Riontino: "Fatto gravissimo, è la strada della morte"

Appello del vicesindaco di Zapponeta ai parlamentari foggiani. Una delle arterie più importanti dell’intera regione che viene attraversata da migliaia di veicoli al giorno non può restare fuori”

“Da quanto apprendiamo dagli organi di stampa, al momento, all’interno del Contratto di Sviluppo della Capitanata non esisterebbe l’opera di completamento della S.P. 141. Se così fosse, si tratterebbe di una cosa gravissima!”. E' il grido d''allarme del vicesindaco di Zapponeta, Vincenzo Riontino. “Una delle arterie più importanti dell’intera regione che viene attraversata da migliaia di veicoli al giorno, e che purtroppo conta tantissimi morti per incidenti stradali, non può restare fuori” aggiunge l'amministratore leghista.


“Non è nelle mie intenzioni sminuire gli interventi già proposti, ma credo che gli interventi sulla strada in questione siano importanti quanto altri, se non di più” chiarisce Riontino, che insiste: “Mi rivolgo al Presidente della Provincia di Foggia, Nicola Gatta, che alcuni giorni fa, in modo premuroso e attento, recandosi di persona sul posto, ha avvertito la necessità di un intervento celere e per questo si è impegnato a destinare circa 500 mila euro da bilancio provinciale per la sistemazione di alcuni tratti. Ma credo che abbiamo un’opportunità storica e va colta. Pertanto, mi rivolgo a lui, e gli scriveremo personalmente, così come faremo al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, affinché vengano inseriti all’interno del Contratto di Sviluppo della Capitanata il completamento della S.P. 141, insieme alla S.P. 77 (la cosiddetta Rivolese)”. 
“I lavori anni fa si sono fermati per esaurimento di risorse” ricorda Vincenzo Riontino.“I progetti sono nei cassetti della Provincia di Foggia. Stiamo parlando di strade di fondamentale importanza che collegano il nord barese al Gargano e non possono passare in secondo piano. Va data priorità. Mi appello anche ai consiglieri regionali e ai parlamentari della Provincia di Foggia affinché si tenga alta l’attenzione su questo argomento, che non può essere sottovalutato per nessuna ragione al mondo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento