rotate-mobile
Economia

Dal Salento alla Bat lo "spettacolo è ovunque", ma non in Capitanata: è così che si promuove la Puglia?

Monta la polemica dopo il video della campagna online lanciato dall'agenzia regionale del Turismo 'Pugliapromozione', che ritrae le bellezze della Puglia riservando uno spazio marginale alla Capitanata. Gatta: "Questa disattenzione è ormai insopportabile"

“Un viaggio onirico in una terra autentica e contemporanea, tra paesaggi incantevoli, arte e cultura. Partite insieme a noi, vi portiamo in Puglia”, il breve messaggio a corredo di un video di due minuti e venti secondi. Le immagini inquadrano una bambina con padre e madre che si imbattono nell’insolita presenza di un direttore d’orchestra all'interno di un aeroporto, in smoking e con tanto di spartito e leggio davanti, pronto a far partire i musicisti: la musica apre le danze a una carrellata di immagini, che ritraggono alcuni dei paesaggi più belli e significativi della Puglia. Molti posti si riconoscono, da Locorotondo a Monopoli, passando per Santa Maria di Leuca.

Dal Salento alla Bat, c’è un po’ di tutto, ma i conti non tornano. Manca qualcosa, manca la Capitanata. O almeno sembra: a chi lo fa notare sulla pagina Facebook o in calce al video pubblicato sul canale Youtube di ‘Viaggiare in Puglia’, arrivano subito le precisazioni: “Il video fa parte di una campagna che ha visto coinvolti molti dei territori della nostra Puglia. Tra questi abbiamo scelto Manfredonia, porta del Gargano, con la Basilica Paleocristiana di Siponto, la diga di Occhito a Carlantino e le Isole Tremiti”.

La risposta tuttavia non convince. Perché le immagini scorrono veloci, e lo spazio riservato alla Daunia sembra piuttosto ridotto, e oggetto di un trattamento meno attento rispetto alle altre province: ci sono pezzi interi della Capitanata che sono stati ‘snobbati’. Da Vieste a Peschici, passando per tutta l’area di Monti Dauni, c’è chi rivendica per la provincia di Foggia un ruolo meno marginale, a fronte di altri luoghi della Puglia, ugualmente incantevoli, ma non per questo più importanti della Daunia.

Insomma, un pezzo di Puglia, la Capitanata per l’esattezza, in blocco si scaglia contro Pugliapromozione. La campagna online 2017 studiata dall’agenzia regionale del Turismo, che si occupa dei Servizi per la gestione e la promozione della destinazione turistica Puglia, è destinata a far rumore, e non per la sua buona riuscita.  

"In Puglia lo spettacolo è ovunque. E' nelle luce particolare che la illumina, nel clima straordinario, nei venti profumati di mare o di erbe delle Murge, nei colori e nella particolarità del mare e della costa, nella diversità dei parchi e delle oasi protette. Lo spettacolo è ancora nelle piazze dei borghi dell'entroterra, con le chiese romaniche o barocche, nella ricchezza dei siti archeologici e dei centri storici. Ma è anche nel modo con cui i pugliesi accolgono i viaggiatori, con una attitudine naturale a farli sentire a casa. Lo spettacolo e nel cibo saporito e a km zero che viene messo a tavola, e certamente infine è anche nel cartellone degli eventi dell'estate. Come pugliese e come Presidente di questa regione, unica e autentica voglio dire: Partite insieme a noi, vi portiamo in Puglia”, il commento del presidente Michele Emiliano durante la presentazione della campagna. Belle parole che però non hanno scaldato più di tanto i cuori dei foggiani.

“Puglia, ‘lo spettacolo è ovunque’, tranne che nel Gargano e in tutta la Capitanata, secondo la Giunta regionale”. È stato il commento piccato di Giandiego Gatta, vicepresidente del Consiglio Regionale “Scorci incantevoli che propongono un Salento da favola, ma anche arte e cultura di tutto il territorio fino a Bari. A parte, appunto, il nord della Regione (se non una velocissima ripresa della Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto). Eppure, giova ricordare che proprio la provincia di Foggia ospiti la regina del turismo pugliese, ovvero Vieste, prima località per numero di presenze estive. E non è l’unica perla della Capitanata, che annovera moltissimi luoghi che ogni anno aumentano il loro appeal sul mercato nazionale ed internazionale”.

“’È vero il titolo di questa campagna, ‘Puglia, lo spettacolo è ovunque’, ma è anche vero che risulti ormai insopportabile, grave ed ingiustificata, questa costante disattenzione verso un territorio ambito dai turisti di tutto il mondo e trattato con pochissimo riguardo dal governo regionale”, l’affondo finale dell’esponente di Forza Italia. E a, quanto pare, leggendo le reazioni sui social e non solo, non è il solo a pensarla così.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Salento alla Bat lo "spettacolo è ovunque", ma non in Capitanata: è così che si promuove la Puglia?

FoggiaToday è in caricamento