Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Marciapiedi ostacolo per i disabili, Landella a Gianluca: "Comune povero, a novembre le strade"

 

“Voglio rassicurare la signora: nonostante le scarse risorse economiche, abbiamo approvato, il 25 giugno del 2018, i lavori per la riqualificazione della sede stradale del tratto via Napoli - angolo viale Ofanto e angolo via Martiri di via Fani. Nel mese di novembre, al massimo, inizieranno i lavori”.

Parola del sindaco Franco Landella che risponde -  carte alla mano - all’appello lanciato pochi giorni fa, su FoggiaToday, da Filomena e dal figlio Gianluca che, ogni giorno, sconta le difficoltà - oggettive ed innegabili - di dover attraversare in carrozzina i marciapiedi e le strade malconce di Foggia per lo svolgimento di ogni attività. Una piccola boccata d’ossigeno per una città in cui ampie fette cittadine sono ancora prive di rampe e scivoli per disabili (e non solo), e i marciapiedi sono sconnessi, deformati dalle radici alberature inadatte, sporchi e 'pericolosi'.

“Abbiamo messo in campo una serie di atti di programmazione per un importo di quasi 3 milioni di euro per una serie di strade, partendo da via Napoli. Tra queste c’è anche via Fiore, via Turtur, via Campanile e via Tibollo”, assicura il sindaco, per il quale la questione strade e marciapiedi rappresenta, evidentemente, un nervo scoperto: “Non è una questione di volontà ma di impossibilità”, si difende.

Quando la vita dei disabili si fa ancora più dura

Impossibilità derivante dalla spada di Damocle rappresentata dal Decreto Salva Enti e dalla grave debitoria che pesa sulle casse comunali. “Ciò nonostante - ribadisce il primo cittadino - voglio ricordare che il Comune di Foggia ha effettuato interventi su numerose direttrici (viale Fortore, viale Michelangelo, viale I Maggio, via Manfredonia, via Alfonso I D’Aragona, viale degli Aviatori, via Telesforo, tratturo Camporeale, rotatorie di via Napoli e via Pinto, primo tratto di corso Garibaldi e via Rosati) mentre la squadra ausiliaria del Comune, in quattro anni, ha coperto circa 10mila tra buche e voragini riducendo del 50% i contenziosi da esse derivanti”. Anche sul fronte degli interventi dell’Acquedotto Pugliese, l’amministrazione si è accordata per ottenere i ripristini totali (una volta accertato il buon esito dei lavori e la ‘tenuta’ delle tubature) delle zone d’intervento. “Capisco l’esigenza della signora e di suo figlio - conclude - ma mettetevi anche nei panni di questo povero sindaco”.

Potrebbe Interessarti

Torna su