Imposte locali: i Comuni si impegnano a venire incontro alle imprese

Consorzi tra comuni per le discariche ed incremento e sana gestione della differenziata, sono alcuni dei punti degli strumenti di intervento per tentare di abbassare il carico fiscale per le imprese

“Se chiudono le imprese commerciali, chi paga le imposte per garantire i servizi?” – E’ stata questa semplice domanda ad aprire il confronto che si è svolto ieri in Prefettura tra la delegazione dei presidenti zonali Confcommercio, guidata dal leader provinciale, Damiano Gelsomino e le Amministrazioni Locali, così come sollecitato dall’organizzazione di categoria nelle scorse settimane.

La riunione, su Tares e imposte comunali convocata e presieduta dal Vice Prefetto Vicario Francesco Cappetta, ha visto la partecipazione dei rappresentanti dei comuni di: Foggia, Manfredonia, San Giovanni Rotondo, Vieste, San Severo e Lucera. Al tavolo, Confcommercio si è presentata con un documento di sintesi che fa il punto degli aumenti registrati nella tassazione comunale degli ultimi due anni. Foggia e San Giovanni Rotondo per i pubblici esercizi le situazioni più delicate.

Dopo la partecipata e animata discussione di ieri, l’appello delle scorse settimane lanciato dal presidente Gelsomino sembra aver trovato ascolto. Si è convenuto, infatti, che le Amministrazioni locali coinvolgeranno in modo più deciso ed in via preliminare l'organizzazione di categoria per trovare soluzioni che siano compatibili con l'attuale situazione di crisi che vivono le imprese del terziario. Un impegno che partirà già con la determinazione delle tariffe riferite alla nuova imposta TARI per il 2014.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Consorzi tra comuni per le discariche ed incremento e sana gestione della differenziata, sono alcuni dei punti degli strumenti di intervento per tentare di abbassare il carico fiscale per le imprese. Un impegno che è stato ribadito da Confcommercio: “siamo pronti a sostenere con i fatti”. Ormai siamo al tracollo – ha concluso Damiano Gelsomino – aiutare le imprese a rispettare i doverosi impegni serve a tutti. Se continuiamo ad abbassare saracinesche, finiremo con lo svuotare e far morire le nostre città”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento