Vendite online: gli imprenditori pugliesi puntano su giardinaggio, moda ed elettronica

A livello provinciale, ben il 39,6% dei venditori professionali sulla piattaforma si trova a Bari, seguiti da Lecce (18,6%), Foggia (12,5%) e Brindisi (11,1%)

Gli imprenditori pugliesi nell’eCommerce? Puntano su casa e giardinaggio, moda ed elettronica di consumo. Secondo gli ultimi dati eBay, quasi il 29% dei venditori pugliesi sulla piattaforma vende prodotti legati alla casa e al giardinaggio, mentre seguono le PMI che operano nel campo della moda (23,2%) e dell’elettronica di consumo (20%). Sono queste le categorie più gettonate dell’eCommerce tra gli imprenditori pugliesi, che tutte insieme raccolgono oltre il 72% dei venditori professionali presenti su eBay nella regione.

A conferma del potenziale che il marketplace offre per le PMI con il suo bacino di oltre 171 milioni di acquirenti attivi in tutto il mondo, 1 venditore professionale su 4 (25,67%) in Puglia ha sperimentato una crescita a doppia cifra. Casa e giardinaggio e moda sono state tra le categorie protagoniste di questo boom, dove i venditori che sono cresciuti di oltre 10 punti percentuali sono stati rispettivamente il 28,1% e il 25,1%.

A livello provinciale, ben il 39,6% dei venditori professionali sulla piattaforma si trova a Bari, seguiti da Lecce (18,6%), Foggia (12,5%) e Brindisi (11,1%).

Le PMI del capoluogo sono le più numerose in tutte le principali categorie di vendita di eBay. Per quanto riguarda casa e giardinaggio, Bari (che raggruppa il 40,1% dei venditori pugliesi) è seguito da Lecce (21,2%) e la provincia di Barletta-Andria-Trani (11,5%), mentre i venditori di ricambi e accessori per auto e moto del capoluogo (40,4%) sono più numerosi rispetto alle PMI di Foggia (18,6%) e Lecce (17,5%) che operano nel settore.

Infine, se nella categoria dell’elettronica Bari (39,9%) precede Lecce (18,8%) e Brindisi (13,9%), nel settore della moda Foggia e Lecce salgono sul podio (entrambe con il 15,4%) insieme al capoluogo (39%).

Tra le province che hanno sfruttato al meglio l’opportunità offerta dal marketplace vi sono Lecce e Foggia, dove circa il 30% dei venditori professionali ha sperimentato, nel 2017, una crescita in doppia cifra del proprio business su eBay rispetto all’anno precedente, seguite da Bari (26%), Taranto (24,4%) e Brindisi (23,9%).

Ad affidarsi con successo alle vendite online è stato Gianluca Picerno, giovane imprenditore di Gravina in Puglia in Provincia di Bari, che nel 2012 ha lanciato Carpe Diem Shop, negozio online grazie al quale vende in tutto il mondo pregiati elettrodomestici Made in Italy e prodotti in edizione limitata: «Ho deciso di entrare nel Marketplace di eBay perché offre una visibilità senza pari, grazie a un brand straordinariamente popolare e a un bacino di clienti globale”, afferma Gianluca. “Ho fin da subito deciso di aprire le vendite anche all’estero, dove elettrodomestici Made in Italy e di qualità, oltre a oggetti da collezione, vanno a ruba, permettendomi di esportare oltre il 70% dei miei prodotti in tutto il mondo. Anche in posti esotici come le Seychelles , un paradiso dove ho fatto recapitare una macchina per la pasta fatta in casa, rigorosamente italiana. Grazie a investimenti mirati, il negozio online, che a oggi rappresenta circa l’80% della mia attività, ha sperimentato una crescita di fatturato costante che l’anno scorso ha registrato un picco del +60%".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento