Guerra all'Università di Foggia, domani l'elezione del Rettore. Il candidato Lo Muzio: "Non rassegniamoci alla mediocrità"

Domani, 2 luglio, l'elezione del nuovo rettore. La sfida è tra il direttore del Dipartimento di Studi umanistici, Limone, e il direttore del Dipartimento di Medicina, Lo Muzio. Ieri la spaccatura in Area Nuova

L'Università di Foggia si prepara al "gran giorno": domani, 2 luglio, l'elezione del nuovo rettore e l'inizio del post Ricci. La sfida  è tra il direttore del Dipartimento di Studi umanistici, il prof. Pierpaolo Limone (in ticket col direttore di Agraria, prof. Agostino Sevi), e il direttore del Dipartimento di Medicina, prof. Lorenzo Lo Muzio. Quest'ultimo, oggi, pubblica le sue considerazioni finali di una campagna elettorale costellate da vicende che lo hanno segnato provocandogli rammatico: "Carissimi tutti - scrive Lo Muzio-, la campagna elettorale per scegliere chi guiderà l’Università di Foggia per il prossimo sessennio sta per volgere al termine e, prima del silenzio elettorale, voglio condividere con tutta la Comunità Unifg qualche riflessione scaturita dagli ultimi avvenimenti di questi giorni.

A poche ore dal voto, non posso nascondere il mio rammarico per le vicende che hanno costellato quest’ultima fase della competizione, caratterizzate da una veemenza nelle reazioni, spesso scomposte e sicuramente inadeguate. Considero il confronto libero delle idee e delle opinioni, anche quando diviene aspro, un esercizio di libertà che, se orientato in senso costruttivo, non può che contribuire alla crescita di tutta la comunità. Il confronto deve essere sempre improntato al rispetto del pensiero e del sentire altrui e non deve mai essere causa di repressione in qualunque forma essa si manifesti.

Ringrazio ciascuno di voi anche per avermi semplicemente ascoltato, ma consentitemi di rivolgere un pensiero particolare a quei giovani del nostro ateneo che, con un coraggio ed una coerenza non comuni di questi tempi, hanno saputo farsi una propria idea e difenderla, anche esponendosi in prima persona".

Ieri la rottura in Area Nuova

"Voglio cogliere questa occasione per ricordare non i punti fondamentali del mio programma, ma i principi e i valori che auspico possano ispirare nuovamente la nostra Università. L’Università di Foggia deve ritornare ad essere un presidio di democrazia, di legalità, di integrazione e di solidarietà, un luogo libero, aperto, dove ciascuno di noi può esprimere la propria opinione senza paura, senza il timore di ritorsioni, un luogo dove l’ascolto ed il dialogo siano strumenti di crescita costruttiva e non distruttiva, un luogo dove gli obiettivi siano frutto di processi di condivisione, confronto, rispetto reciproco e partecipazione attiva.

L’Università di Foggia deve riconquistare la sua identità. Deve ritornare ad essere una Comunità unita nel rispetto delle opinioni differenti, una Comunità che è capace, in un clima di serenità, di dare voce ad ognuna di queste opinioni, consapevole che, solo accettando e riconoscendo il valore dei pensieri di tutti, può crescere orientata alla ricerca della verità.

È questo che come persone, prima ancora che come docenti, dobbiamo insegnare ai nostri studenti. Siamo chiamati a formare coscienze critiche e libere, non a sostituirci ad esse.

Possiamo essere migliori di quello che siamo, tocca solo a noi vivere il cambiamento individuale e promuovere il cambiamento collettivo. La scelta a cui saremo chiamati il 2 luglio può essere un primo passo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Desidero chiudere questo mio breve messaggio con le parole di una donna che è stata una delle menti più brillanti che l’Umanità abbia conosciuto, Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la medicina: “Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella “zona grigia” in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva, bisogna coltivare il coraggio di ribellarsi.”. Ad majora, Lorenzo Lo Muzio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Un regalo di nozze agli sposi dalla Regione Puglia: "Se non rimandate il matrimonio all'anno prossimo"

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

  • Coronavirus: zero contagi e zero morti in provincia di Foggia

  • "Chiudo la movida". Emiliano: "Sono pronto". E nella 'Spaccanapoli' di Foggia assembramenti senza mascherine

Torna su
FoggiaToday è in caricamento