menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento dell'incontro

Un momento dell'incontro

L'UGL plaude al Reddito di Dignità: "Straordinaria risorsa per il territorio". Come richiederlo

Il sostegno all'inclusione sociale attiva partirà il 2 settembre. L'11 luglio sarà pubblicato l'avviso per i cittadini e dai 15 giorni successivi sarà possibile presentare le istanze su piattaforma

“Il Reddito di Dignità, come misura di inclusione attiva per il contrasto alla povertà istituito con Legge regionale n.3 del 14 marzo 2016, rappresenta una straordinaria risorsa per il territorio, ed un’autentica opportunità per i cittadini di ritrovare occupazione e condizioni di lavoro dignitose”.

Ne è convinto il Segretario provinciale Ugl Foggia, Gabriele Taranto, al termine della ‘Giornata Regionale di presentazione del Reddito di Dignità’ svoltasi a Foggia presso la Sala conferenze di Palazzo Dogana. Da una nota stampa dell’assessorato al Welfare si apprende, che il SIA - il sostegno all'inclusione sociale attiva - partirà il 2 settembre. L’avviso per i tirocini, invece, sarà pubblicato il 7 luglio, mentre dal 18 luglio partirà la procedura aperta a sportello sulla piattaforma.

REDDITO DI DIGNITA': COS'E'

L'11 luglio, inoltre, sarà pubblicato l'avviso per i cittadini e dai 15 giorni successivi sarà possibile presentare le istanze su piattaforma. Tutto poi partirà il 2 settembre in maniera coordinata con il governo nazionale ma qui in Puglia gli operatori e i cittadini avranno tempo da fine luglio per esercitarsi. La ratio della norma è di intercettare il nucleo più bisognoso, il 15%della popolazione pugliese.

“Attraverso questo ciclo di eventi informatici e formativi – spiega il Segretario - la Regione Puglia ha deciso di rivalutare il ruolo filtro che i CAAF e i Patronati, Enas Ugl incluso – aggiunge Taranto - svolgono come corpi intermedi tra cittadini, Enti pubblici ed Istituzioni, rispetto ad un contesto nazionale che tende ad escluderli dai processi decisionali”.

“Un tentativo, quello della Giunta pugliese, quanto mai efficace teso a colmare possibili gap comunicativi proprio con quei nuclei familiari non raggiunti dalla campagna informativa istituzionale. E’ di idee concrete come queste e ben sviluppate per agganciare la ripresa - conclude - di cui il nostro territorio ha bisogno. In questa direzione, anche i nostri CAAF, ed operatori di Patronato Enas Ugl, cercheranno di essere parte attiva, affiancando Istituzioni ed Enti Locali affinché non vada persa questa importante opportunità che incoraggia una politica inclusiva contro isolamento e marginalità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento