Economia

Stop ai treni di sera, il Gargano "rischia l'isolamento". L'ira verso Emiliano: "Regione ci riduce a terzo mondo!"

La vibrante denuncia arriva dal vicepresidente del consiglio regionale Giandiego Gatta. Le corse serali - stando al nuovo piano regionale dei Trasporti- dovrebbero essere tagliate e sostituite con pochi autobus

“Un taglio sconsiderato del servizio ferroviario che isolerà letteralmente il Gargano nord: non ci saranno più treni nella fascia serale per collegare i Comuni del territorio. Ci saranno solo pochi autobus sostitutivi, con tutti i disagi del caso". L'allarme lo lancia il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. "Non solo: la decisione avrà ripercussioni anche sulla sicurezza. Non è un mistero che le strade del Gargano non garantiscano condizioni di sicurezza nella percorrenza ed è altrettanto noto che siano spesso teatro di incidenti. Tagliare il trasporto ferroviario costringerà gli utenti ad utilizzare l’automobile di sera, aumentando il traffico su strada. Si tratta di un ennesimo schiaffo al territorio compiuto dalla Giunta Emiliano: le Ferrovie del Gargano, infatti, si sono adeguate a quanto contenuto nel Piano regionale dei Trasporti. Non posso che fare un vivo appello all’assessore regionale competente affinché si attivi per una modifica in questa direzione e assicuri ai cittadini del Gargano e di tutta la Capitanata un servizio di trasporto pubblico che non sia da terzo mondo. Non è accettabile operare scelte che di fatto isolano un intero territorio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop ai treni di sera, il Gargano "rischia l'isolamento". L'ira verso Emiliano: "Regione ci riduce a terzo mondo!"

FoggiaToday è in caricamento