rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Economia

‘Tessere Daune’ approda a Milano: la prima rete pugliese di imprese femminili presentata alla Borsa Internazionale del turismo

La prima rete pugliese di imprese femminili composta da 11 donne imprenditrici che hanno scelto di “abitare la cooperazione”. Il progetto attraverso le MaterClass, percorsi sensoriali itineranti nell’Alto Tavoliere, ha l’obiettivo di valorizzare persone, luoghi e storie di un territorio ricco di biodiversità e interessante meta turistica

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Tessere Daune, intrecci di donne e storie rurali, la prima rete pugliese di imprese femminili, sarà presentata alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano lunedì 11 aprile 2022 alle ore 10.00 nello Stand di PugliaPromozione – Regione Puglia (ubicato nel Padiglione 3, stand C55 C59 G54 G58, quartiere espositivo di Fieramilanocity). Ad illustrare l’innovativo progetto, nato grazie ai finanziamenti del Gal Daunia Rurale 2020 stanziati con il bando 2.2 ‘Daunadonna’, saranno Raffaele Piemontese, Vice presidente Regione Puglia e Assessore al Bilancio; Lidia Antonacci, capofila di Tessere Daune e imprenditrice di Mio Padre è un Albero; Pasqua Attanasio, imprenditrice di Podere Serraglio e Spazio Ripoli.

A moderare l’incontro sarà Danila Paradiso, giornalista e responsabile media relations del progetto. Tessere Daune comprende undici imprenditrici con le loro otto aziende – Mio Padre è un Albero, Gino’s Oil – Azienda Agricola di Paola Marino, Podere Serraglio, Verde è Rubino, Ekostè_agrocosmetica dalla Terra, Sovita, Mania Creativa e Spazio Ripoli – che hanno deciso di abitare la cooperazione. Insieme queste moderne ambasciatrici dell’Alto Tavoliere offrono un paniere di autenticità, identità territoriale, sostenibilità e valenza sociale. “Tutte su per Terra!” è il loro slogan, un’espressione a voce unica che esplicita il legame forte tra le otto aziende della rete e la Terra Dauna, in particolare i sette comuni del Gal Daunia Rurale: San Severo, Apricena, Chieuti, Poggio Imperiale, San Paolo Civitate, Serracapriola e Torremaggiore GAL Daunia Rurale 2020 – Piano di Azione Locale 2014-2020 – Misura 19 “Sostegno alla Sviluppo Locale LEADER” Psr 2014-2020 – Regione Puglia – Intervento finanziato con azione 2 “Innovazione sociale e occupazionale delle filiere produttive del Daunia Rurale Food District dell’Alto Tavoliere” – Intervento 2.2 Progetto “Daunadonna – rete delle imprese femminili della Daunia rurale” bando n.5/2020 – ATS e progetto “Donne Daune: incontro di mani e di terra”.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

‘Tessere Daune’ approda a Milano: la prima rete pugliese di imprese femminili presentata alla Borsa Internazionale del turismo

FoggiaToday è in caricamento