Meno smog e mezzi pesanti a San Severo: ecco la prima pietra della 'Tangenziale est'

L’infrastruttura collegherà il casello della A14 alla SS 16 nei pressi dello svincolo per San Paolo di Civitate. "Infrastruttura accorcerà i tempi di percorrenza facilitando gli scambi commerciali e il transito delle merci”

La posa della prima pietra

Al via i lavori della Tangenziale Est della Statale 16, l’infrastruttura che collegherà il casello A14 con lo svincolo per San Paolo di Civitate. Si è tenuta questa mattina, alla presenza di autorità provinciali e locali, la cerimonia di posa della prima pietra dei lavori. “Si tratta di una infrastruttura di circa 8 km finanziata con la delibera Cipe 62/2011 per l'attuazione del piano nazionale per il Sud con circa 21 milioni di euro. Una programmazione che parte da lontano e che migliorerà il traffico urbano e la viabilità di tutto l’Alto Tavoliere” spiega l’assessore all’Urbanistica, Luigi Montorio. 

Una progettualità proposta anche all’interno della programmazione dell’Area Vasta Capitanata 2020 e che intende ridurre lo smog causato dall’ingresso di mezzi pesanti nel centro urbano della città. I lavori, promossi dalla Regione e dalla Provincia, si concluderanno a maggio del 2017 e doteranno l’Alto Tavoliere di una bretella di collegamento tra la statale e l’autostrada A14 che faciliterà gli scambi commerciali sul territorio abbreviando il percorso dei mezzi pesanti. “L’inizio dei lavori della Tangenziale Est rappresentano un traguardo importante per il territorio che è stato possibile raggiungere grazie al lavoro delle amministrazioni comunali che si sono succedute nel tempo dal sindaco Belmonte in poi, dei rappresentanti della Provincia e dei rappresentanti regionali Francesco Damone, Dino Marino e Leo Di Gioia" ha aggiunto Francesco Miglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco prosegue e conclude: "Deviare il traffico pesante che proviene da San Paolo di Civitate, Torremaggiore, Apricena e dall’Adriatica in genere, che non dovrà più transitare lungo viale 2 Giugno, ci consentirà di evitare un incremento dello smog, del traffico e l’usura del manto stradale che oggi rappresenta una delle problematiche maggiori del nostro centro urbano. Inoltre questa infrastruttura accorcerà i tempi di percorrenza casello-statale 16 facilitando gli scambi commerciali e il transito delle merci”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

  • Coronavirus, risalita vertiginosa dei contagi: 26 nuovi casi in Puglia (9 nel Foggiano)

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento