menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La posa della prima pietra

La posa della prima pietra

Meno smog e mezzi pesanti a San Severo: ecco la prima pietra della 'Tangenziale est'

L’infrastruttura collegherà il casello della A14 alla SS 16 nei pressi dello svincolo per San Paolo di Civitate. "Infrastruttura accorcerà i tempi di percorrenza facilitando gli scambi commerciali e il transito delle merci”

Al via i lavori della Tangenziale Est della Statale 16, l’infrastruttura che collegherà il casello A14 con lo svincolo per San Paolo di Civitate. Si è tenuta questa mattina, alla presenza di autorità provinciali e locali, la cerimonia di posa della prima pietra dei lavori. “Si tratta di una infrastruttura di circa 8 km finanziata con la delibera Cipe 62/2011 per l'attuazione del piano nazionale per il Sud con circa 21 milioni di euro. Una programmazione che parte da lontano e che migliorerà il traffico urbano e la viabilità di tutto l’Alto Tavoliere” spiega l’assessore all’Urbanistica, Luigi Montorio. 

Una progettualità proposta anche all’interno della programmazione dell’Area Vasta Capitanata 2020 e che intende ridurre lo smog causato dall’ingresso di mezzi pesanti nel centro urbano della città. I lavori, promossi dalla Regione e dalla Provincia, si concluderanno a maggio del 2017 e doteranno l’Alto Tavoliere di una bretella di collegamento tra la statale e l’autostrada A14 che faciliterà gli scambi commerciali sul territorio abbreviando il percorso dei mezzi pesanti. “L’inizio dei lavori della Tangenziale Est rappresentano un traguardo importante per il territorio che è stato possibile raggiungere grazie al lavoro delle amministrazioni comunali che si sono succedute nel tempo dal sindaco Belmonte in poi, dei rappresentanti della Provincia e dei rappresentanti regionali Francesco Damone, Dino Marino e Leo Di Gioia" ha aggiunto Francesco Miglio.

Il sindaco prosegue e conclude: "Deviare il traffico pesante che proviene da San Paolo di Civitate, Torremaggiore, Apricena e dall’Adriatica in genere, che non dovrà più transitare lungo viale 2 Giugno, ci consentirà di evitare un incremento dello smog, del traffico e l’usura del manto stradale che oggi rappresenta una delle problematiche maggiori del nostro centro urbano. Inoltre questa infrastruttura accorcerà i tempi di percorrenza casello-statale 16 facilitando gli scambi commerciali e il transito delle merci”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
FoggiaToday è in caricamento