Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco la superstrada del Gargano che vale 800 milioni. I cinquestelle ci mettono il cappello: "Non ci saranno scempi"

L'anello della strada a scorrimento veloce sarà completato. Le tratte oggetto dei lavori saranno due e sono previsti circa 23 chilometri completamenti nuovi e altri 11 sottoposti ad interventi di adeguamento

 

Da Vico a Vieste e da Vieste a Mattinata, l'anello della Superstrada del Gargano sarà completato tramite una serie di gallerie. Questa è l'idea, che ha superato il primo step: lo studio di fattibilità e il progetto definitivo sono già stati finanziati con 20 milioni. È il primo passaggio. Poi bisognerà individuare e stanziare i fondi per realizzare l'opera.

La lieta novella era arrivata tre giorni fa, comunicata dalla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli e amplificata dalla deputata di San Nicandro Garganico Marialuisa Faro che per prima aveva espresso questo desiderio del territorio, supportata dai colleghi Cinquestelle. Oggi a Foggia il sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti Roberto Traversi, accanto alla candidata alla presidenza della Regione Puglia Antonella Laricchia, ha illustrato il progetto inserito nel Piano investimenti 2020. Era stato proprio lui a incontrare i sindaci a Peschici, a febbraio, nella fase embrionale. "È una scelta di campo, su un fondo investimenti, non si parla di Recovery Fund", ha chiarito contestualizzando la soluzione individuata proprio a seguito delle sollecitazioni dei portavoce locali. "Vogliamo proseguire la strada a scorrimento esistente, mediante due tappe. L'opera dovrà essere integrata nel paesaggio. Abbiamo già avuto dei confronti con l'ente Parco".

Il sottosegretario Traversi, come ha osservato la deputata Faro in collegamento telefonico, "ha ascoltato e capito il grido di aiuto di una comunità che si trova in un posto stupendo ma che a livello di collegamenti è davvero difficile da raggiungere". Alla stessa deputata promotrice "sembrava un'impresa con poche speranze".

Ringrazia uno per uno i colleghi che l'hanno sostenuta in questa battaglia. il completamento della SSV 693 del Gargano consentirà di ridurre i tempi di percorrenza fino a dimezzarli tra Vico e Manfredonia e aumenterà gli standard di sicurezza. L'esempio più lampante è un'autoambulanza che percorre quella strada. I Cinquestelle seguiranno i lavori. "Da quando siamo al governo ci troviamo a risolvere problemi che si trascinano da 30-40, a volte 50 anni, talvolta mai affrontati. Questo è uno dei tanti".

Lo ha rivendicato il senatore Marco Pellegrini, che ha anticipato le riserve degli ambientalisti: "Non c'è alcuna intenzione di fare scempi, anzi, sarà realizzata un'opera perfettamente inserita nel territorio".

L'Anas, nella sua ipotesi di studio presentata già a febbraio, suddivide il percorso in due tratte: immagina due nuovi tracciati, complessivamente di circa 23 chilometri con 15 gallerie e 8 viadotti, più 11 chilometri di strada da adeguare. Nello specifico, la prima tratta comprende "un tracciato in una nuova sede che parta dall'intersezione tra la SS688 e la Sp53 e si ricongiunga alla SS89 intorno al Km 110, vale a dire al termine del tratto pedemontano più tortuoso". Il tratto di nuova realizzazione, in questo tragitto, è considerato di 14 chilometri con 9 gallerie e 4 viadotti. Sarà oggetto di adeguamento, invece, un tratto di 2,3 chilometri. Il costo complessivo di questa prima tratta è pari a 488 milioni. Nell'ottica di creare una maglia chiusa, Anas suggerisce di ricongiungere l'intervento con la SS693, in località Vico del Gargano. Per fare questo, si ipotizza un adeguamento della SS89 da Vieste a Mandrione e un tratto di nuova realizzazione. Questa seconda tratta sarebbe composta da un tratto di adeguamento di 8,8 chilometri e 9 chilometri di nuova realizzazione con 6 gallerie e 4 viadotti per un costo di 366 milioni. L'importo totale per chiudere il periplo ammonterebbe così a più di 800 milioni. Sicuramente i lavori saranno suddivisi in lotti. Oltre ai fondi ministeriali potrebbero essere impiegate le risorse rivenienti dal Recovery Fund.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento