rotate-mobile
Economia Faeto

Chioschi ‘salva ambulanti’: demolizione, smontaggio e deposito costano 40mila euro al Comune

Ad essersi aggiudicata provvisoriamente la gara è stata la ditta 'Bilancia Uno' con un ribasso del 2,82% sull'importo a base d'asta di 39mila euro

Ammonta a poco meno di ­­50mila euro (omnicomprensiva di oneri per la sicurezza e Iva), la spesa che il Comune di Foggia dovrà impiegare per l’opera di demolizione, smontaggio e messa a deposito presso l’Ente Fiera, dei sei chioschi di ortofrutta in legno lamellare, oggetto del sequestro disposto il 3 febbraio scorso dal Gip del Tribunale di Foggia e compiuto dai carabinieri l’undici dello stesso mese.

Ad essersi aggiudicata provvisoriamente la gara è stata la ditta ‘Bilancia Uno’ con un ribasso del 2,82% sull’importo a base d’asta di 39mila euro, vale a dire 37.900 euro più 1983 euro per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso.

L’indagine è stata avviata nell’aprile del 2015, dopo il rilascio da parte del dirigente del Servizio Attività Economiche del Comune di Foggia di sei autorizzazioni temporanee al commercio su aree pubbliche per la durata di mesi sei rinnovabili.

Nell’ottobre dello stesso anno Landella si era visto costretto a non rinnovare le autorizzazioni a seguito dell’imminente individuazione di nuove aree mercatali in cui far confluire i commercianti ambulanti, ma soprattutto per la mancata osservanza da parte degli operatori, di tutte le prescrizioni contenute nella delibera 36 del 3 aprile 2015 e per il mancato pagamento della Cosap da parte degli ambulanti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chioschi ‘salva ambulanti’: demolizione, smontaggio e deposito costano 40mila euro al Comune

FoggiaToday è in caricamento