rotate-mobile
Economia San Michele / Piazza XX Settembre

Sottoscritto il Protocollo che rilancerà lo sviluppo economico e il lavoro in Capitanata

A Palazzo Dogana avvio di iniziative finalizzate ad ottimizzare l'esito della Garanzia Giovani e ad offrire in tempi certi una opportunità di inserimento formativo o lavorativo ai giovani non impegnati in attività di studio e di lavoro

Ha avuto luogo questa mattina presso la sede della Provincia di Foggia di Palazzo Dogana l’ufficializzazione, con la firma dei rappresentanti degli organismi che vi hanno preso parte, del Protocollo sulle “Azioni per attuare la misura europea Garanzia Giovani e per rilanciare lo sviluppo economico ed il lavoro in Capitanata”. All'intesa hanno aderito la Camera di Commercio, le Organizzazioni Sindacali dei Lavoratori, le Associazioni delle Imprese e della Formazione, Organizzazioni del Terzo Settore, la Direzione Scolastica Provinciale, l'Università, i dindaci dei Comuni capofila dei Centri per l'Impiego,  oltre naturalmente alla promotrice Amministrazione Provinciale che, con il settore Politiche del Lavoro, si è attivata con iniziative di consultazione e di confronto con le diverse parti sociali ed economiche e con le istituzioni scolastiche e formative. “Si tratta di un importante passaggio che attesta una rinnovata consapevolezza degli attori del nostro territorio rispetto alla necessità di fare sistema in un momento decisivo per affrontare con maggiore dinamismo e visione comune le note difficoltà economiche ed occupazionali”, ha affermato il Commissario Straordinario della Provincia Fabio Costantini. “Ora questa sinergia dovrà manifestarsi con attività operative e  motivare positivamente la funzione e le potenzialità del nostro sistema imprenditoriale”. 

Il dirigente delle Politiche del Lavoro, Geppe Inserra, ha sottolineato il ruolo fondamentale che i servizi pubblici del lavoro sono chiamati a svolgere per tessere le reti necessarie a migliorare l’incrocio tra l’offerta e la domanda di lavoro. Per Luisa Maraschiello, dirigente del Settore Formazione Professionale della Provincia, il protocollo d’intesa può stimolare un rapporto più virtuoso trai diversi attori della formazione incentivando la partecipazione delle imprese ai progetti. Il presidente della Camera di Commercio, Fabio Porreca, ha rilevato l’importanza del protocollo come strumento per facilitare la cooperazione trai diversi soggetti istituzionali, sociali ed economici per promuovere, a partire da Garanzia Giovani nuove occasioni di sviluppo.

Il Rettore dell’Università di Foggia, Maurizio Ricci, ha detto che Garanzia Giovani può rappresentare un nuovo modello nelle politiche attive del lavoro, a favore dei giovani, soprattutto se si riuscirà a migliorare la qualità dell’orientamento della formazione professionale e nell’individuazione tra domanda ed offerta. Sono intervenuti tra gli altri il segretario provinciale della CISL, Emilio Di Conza, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, Francesco Forliano, Vladimiro Mascolo, coordinatore di Casartigiani Puglia, Maurizio Carmeno, componente della segreteria provinciale della CGIL, Donato Catalano rappresentante di Forma, associazione di categoria dei centri di formazione professionale, Alessandra Gorgone del progetto Policoro della Diocesi di Lucera-Troia.

Il Protocollo sottoscritto a Palazzo Dogana sancisce in primo luogo l'avvio di iniziative finalizzate ad ottimizzare l'esito della Garanzia Giovani e ad offrire in tempi certi una opportunità di inserimento formativo o lavorativo ai giovani con una età dai 15 ai 29 anni, non impegnati in attività di studio e di lavoro.  Nella nostra provincia sono 42.000 i giovani NEET e di essi circa 15.000 sono interessati al fenomeno della dispersione scolastica. Ad oggi sono circa 2.000 i giovani che hanno aderito alla misura e per i quali i Centri per l'Impiego hanno avviato la fase preliminare della loro convocazione e presa in carico che si concluderà con la sottoscrizione del Patto di Servizio. Entro i 4 mesi successivi dovrà esserci la proposta di inserimento. La Garanzia Giovani, per la quale sono spendibili 120 milioni di euro in Puglia, avrà validità fino al 2015, ma c'è anche l'eventualità che sia prorogata fino al 2020 con decisione dell'Unione Europea.

Fondamentale per il suo successo sarà l'adesione delle imprese del territorio al Piano. Perciò nel Protocollo la Camera di Commercio e le Associazioni di impresa, in particolare, si attiveranno con la Provincia per incontrare le imprese in modalità settoriali. Gli incontri con le imprese costituiranno anche un momento per realizzare una indagine realistica del fabbisogno professionale da considerare anche per le future azioni di orientamento formativo e scolastico in Capitanata. Le Organizzazioni Sindacali e le Associazioni delle Imprese implementeranno con la contrattazione integrativa la indicazione e selezione delle imprese interessate ad aderire a Garanzia Giovani.

Ma affinché i modelli di relazioni e gli obiettivi di attività come quelle previste dalla Garanzia Giovani possano esprimersi pienamente, il territorio dovrà nel contempo promuovere ed incrementare la domanda di beni e servizi e dunque far ripartire azioni di sistema a sostegno dello sviluppo territoriale, che le parti convenute nel Protocollo si impegnano a rilanciare e sostenere in modo coeso, monitorando lo stato di realizzazione dei programmi infrastrutturali e finanziari in corso e programmandone insieme altri significativi nel quadro della pianificazione regionale, nazionale ed europea.   

È prevista la costituzione della Commissione per l’Economia, presso la Camera di Commercio; con essa si offrirà al territorio ed ai suoi attori più significativi lo strumento operativo ed il luogo istituzionale per continuare l’azione di sistema avviata con il Protocollo oggi sottoscritto. Una  rilevanza particolare assumono infine le iniziative di disseminazione ed informazione rivolte al mondo della scuola, che saranno organizzate con il concorso determinante delle Istituzioni scolastiche e formative, con l'obiettivo di favorire i processi di transizione dal sistema scolastico a quello lavorativo con una più adeguata conoscenza delle opportunità e delle peculiarità produttive del nostro territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sottoscritto il Protocollo che rilancerà lo sviluppo economico e il lavoro in Capitanata

FoggiaToday è in caricamento