Giovedì, 21 Ottobre 2021
Economia

Ataf e Comune determinati a punire i furbetti della sosta, ma nessuna “caccia alle streghe”

Sui pass auto per disabili Landella annuncia la partenza di un’approfondita attività di ricognizione e di verifica circa il loro numero, la loro regolarità e il loro utilizzo

L’amministrazione comunale e Ataf faranno chiarezza sui furbetti della sosta tariffata (parcheggi non pagati e questione pass disabili). E’ questo uno dei primi temi affrontati nell’incontro tra il sindaco di Foggia, il nuovo presidente dell’azienda di trasporto pubblico urbano, Raffaele Ferrantino, e i componenti del Consiglio d’Amministrazione. Saranno approfonditi i numeri choc tirati fuori a novembre scorso da Ataf e poi ripresi in un’interpellanza dal consigliere comunale d’opposizione, Luigi Buonarota (“Per ogni 100 paganti ve ne sono 134 che non pagano”).

“Non siamo animati da nessuna volontà di compiere una sorta di “caccia alle streghe”, perché penso che una questione così delicata meriti equilibrio e senso di responsabilità”. Da questo punto di vista per il primo cittadino “è necessario costruire un clima più sereno, proprio perché occorre effettuare un’attività accurata e scrupolosa di analisi”. E ancora: “Consideravo questo passaggio un atto fondamentale prima del mio insediamento e lo considero un passaggio ineludibile oggi. Lo dobbiamo ai cittadini onesti che rispettano le regole”.

Al termine del monitoraggio il governo Landella comunicherà in Consiglio comunale e alla città lo stato delle cose, assicurando che “qualora dovessero emergere anomalie applicheremo la massima inflessibilità nel colpirle ed eliminarle, denunciando alle autorità competenti eventuali reati”.

Così Raffaele Ferrantino: “Sulla vicenda abbiamo avuto un incontro con il comandante della Polizia Municipale, Romeo Delle Noci, che ci ha permesso di vagliare alcune strategie operative utili per un verso ad effettuare il lavoro di ricognizione e per l’altro a rendere più efficace l’attività di controllo in città, soprattutto con riferimento alla “sosta selvaggia”. Sin dal momento del nostro insediamento abbiamo attribuito a questo tema carattere di priorità. Non solo al fine di prendere visione dell’esistente ma anche con il dichiarato obiettivo di intervenire in quegli ambiti in cui si sono manifestate criticità che intendiamo affrontare e risolvere”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ataf e Comune determinati a punire i furbetti della sosta, ma nessuna “caccia alle streghe”

FoggiaToday è in caricamento