Informazione, fornitura quotidiani cartacei sospesa in sei comuni dei Monti Dauni

La decisione dell'agenzia barese Lobuono. Niente più giornali a Biccari, Casalnuovo Monterotaro, Volturara Appula, Casalvecchio di Puglia, Carlantino e Alberona.

Immagine di repertorio

Il gioco non vale la candela. Lobuono, l’agenzia barese che si occupa della distribuzione dei quotidiani cartacei in provincia di Foggia, ha interrotto la fornitura alle edicole di Biccari, Casalnuovo Monterotaro, Volturara Appula, Casalvecchio di Puglia, Carlantino e Alberona.

A giocare un ruolo fondamentale nella vicenda è stato il numero esiguo, troppo, di giornali venduti nei piccoli centri del Subappennino dauno, i cui rivenditori avrebbero rimandato al mittente la richiesta di contribuire alle spese di viaggio con un contributo minimo di alcuni euro. Ultimatum che scadeva il 6 gennaio.

La decisione ha riacutizzato un problema dibattuto anche in Regione e che nei mesi scorsi aveva visto i primi cittadini di quindici comuni foggiani scendere in campo per garantire il diritto all’informazione. A Biccari, in segno di protesta, l’amministrazione comunale decise di oscurare le luci del paese.

Agli abitanti dei paesi colpiti dalla decisione di interrompere la distribuzione dei quotidiani, non resta che sperare nella riapertura delle trattative o affidarsi alla lettura dei quotidiani online e all’utilizzo delle nuove tecnologie.

Ma il sindaco di Casalnuovo Monterotaro, Pasquale De Vita, non si arrende: "La decisione dell’Agenzia distributrice Lobuono di Bari dimostra come quelli dei piccoli centri siano considerati ancora una volta dei cittadini di serie B. e di come viene trattato il nostro territorio, già penalizzato per altri fattori socio-economici. Negare il diritto all’informazione e perdere questo ulteriore servizio equivale ad oscurare il nostro territorio e a tagliarlo fuori dal circuito comunicativo, quello della carta stampata. Il sindaco del piccolo centro dauno - che si riserverà di intraprendere ed attuare tutte le azioni necessarie per la tutela degli interessi legittimi della comunità casalnovese - chiede con urgenza un tavolo di concertazione presso la Regione Puglia con tutti i soggetti-attori di questa problematica al fine di una risoluzione definitiva della questione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento