menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dal Festival dei Monti Dauni

Dal Festival dei Monti Dauni

Contributo regionale incerto: dopo 13 edizioni si ferma il ‘Festival dei Monti Dauni’

La XIV edizione della kermesse dauna non potrà realizzarsi nel periodo estivo a causa delle incertezze finanziarie. Gli organizzatori valutano eventuali soluzioni alternative

La XIV edizione del Festival dei Monti Dauni, la kermesse itinerante che negli ultimi anni ha creato un circuito di spettacoli “100% made in Puglia” nei comuni collinari dauni, non si potrà realizzare nel prossimo periodo agostano, così come era sempre accaduto ininterrottamente dal 2002 in poi. Sin dalla prima edizione, gli organizzatori hanno avuto ben chiara la loro missione: la promozione del territorio dei Monti Dauni e la valorizzazione delle eccellenze artistiche locali.

In tutti questi anni sono stati ideati e prodotti ex-novo circa trenta spettacoli, molto spesso in prima esecuzione assoluta, coinvolgendo moltissimi musicisti pugliesi e soprattutto enfatizzando il nostro patrimonio musicale. Gli spettacoli sono stati concepiti per unire la maestria della arti plastiche e quella delle arti visive e sonore. Abbiamo ospitato, inoltre, circa cinquanta produzioni. A supporto della nostra organizzazione sono nate diverse compagini orchestrali che contestualmente hanno creato lavoro per tantissimi giovani.

Dalla parte del Festival non c’era solo l’affetto del pubblico ma anche la condivisione progettuale di molte amministrazioni comunali, dell’amministrazione provinciale e della Regione Puglia, determinante per la crescita artistica e organizzativa del nostro festival, che ha potuto condividere in rete con altri festival pugliesi una notevole possibilità di promozione territoriale.

Tutto ciò quest’anno, però, non potrà realizzarsi. Ad oggi, infatti, non conoscendo l’entità del contributo regionale, si rende impossibile l’allestimento del cartellone artistico 2016. La sospensione temporanea del festival è sicuramente un’occasione di riflessione. Il consiglio direttivo dell’associazione sta valutando eventuali soluzioni alternative e si auspica, col supporto degli enti locali e degli sponsor, che possa concretizzarsi la possibilità di non lasciar morire una realtà culturale e produttiva così importante del territorio dauno.

I CONCERTI DI AGOSTO IN PROVINCIA DI FOGGIA

LE SAGRE ESTATE 2016 IN PROVINCIA DI FOGGIA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento