Sospensione estiva delle visite ispettive su impianti termici: si riprende il 22 agosto

Le ispezioni saranno anticipate da una comunicazione scritta, presso il domicilio del responsabile dell’impianto con un preavviso di 15 giorni. AM Service: “La manutenzione è un investimento sulla tutela della salute dell'intera famiglia"

Immagine di repertorio

Con la imminente sospensione estiva delle ispezioni sugli impianti termici, il Consiglio di Amministrazione di AM Service, società inhouse del Comune di Foggia, tiene a precisare come il comportamento virtuoso di ogni singolo utente possa salvare vite umane e tutelare l'ambiente.

La seconda fase della campagna di accertamento dello stato di efficienza e manutenzione delle caldaie, consistente nell’effettuazione delle visite ispettive degli impianti termici autonomi della città di Foggia, è partita lo scorso 14 marzo e, in poco più di quattro mesi, sono già numerose le verifiche compiute dai tecnici specializzati di AM Service.

Basti pensare che ad oggi sono state operate 1.159 ispezioni, di cui 218 a "campione" a titolo gratuito, ovvero su quegli impianti che risultano 'bollinati' (che hanno ben esposto il  bollino energetico) e 941 a 'tappeto' ovvero quelle verifiche a titolo oneroso su caldaie non  autocertificate. Le visite ispettive - fanno sapere da AM Service - subiranno una brevissima pausa estiva, più precisamente dal prossimo 8 agosto e fino al 22. Nell'occasione, però, la società di Viale Manfredi ricorda che le verifiche proseguiranno per tutto l'anno corrente ed ancora per i primi mesi del 2017.

A tal riguardo è opportuno fare presente che le ispezioni saranno anticipate  da una comunicazione scritta, recapitata presso il domicilio del responsabile dell’impianto con un preavviso di 15 giorni. Nella missiva saranno chiaramente riportati sia il giorno della visita, sia la fascia oraria prevista. Non vi sarà l'applicazione di alcun costo, nel caso in cui l'impianto risulta autocertificato (l’utente dovrà esibire all'ispettore incaricato la copia utente dell'allegato tecnico rilasciato dal proprio manutentore provvisto di bollino energetico).

È previsto, invece, onere a carico del responsabile, nel caso in cui l'impianto termico, all'atto dell'ispezione, risultasse non autocertificato (con mancata apposizione del bollino energetico sull'allegato tecnico) o con un'autocertificazione non valida. La tariffa stabilita è pari a € 100,00. Tale somma dovrà essere versata entro 30 giorni dalla data della fattura, che sarà recapitata mediante invio postale successivamente all’ispezione.

Inoltre in caso di mancata esecuzione del sopralluogo per assenza del responsabile o delegato o per rifiuto del controllo, l'impianto verrà considerato “non a norma” con tempestiva comunicazione al Comune di Foggia ed addebito delle spese amministrative pari a € 50,00 per mancata ispezione. AM Service evidenzia l'impegno diretto sia dei manutentori, sia dell’Ufficio Ispezioni, nel garantire sicurezza e rendimento energetico degli impianti e l'importanza della diffusione di una corretta sensibilità non solo in ordine agli obblighi di certificazione ma anche in riferimento alla manutenzione periodica delle caldaie ad opera di aziende qualificate che lavorano nel pieno rispetto delle regole. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento