rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Economia

Dal Gargano agli Ospedali Riuniti: "Garantire il servizio navetta"

Il sindacato chiede che venga garantita la continuità del servizio navetta Monte Sant'angelo - Manfredonia - Riuniti Di Foggia che cesserà il prossimo 30 settembre

Una scelta che possa tutelare tanto l’ambiente, quanto gli utenti. E con loro le rispettive finanze. E' ormai consolidata la necessità di trasferire sulle modalità pubbliche, significative fette di trasporti privati delle persone, specialmente per quanto attiene gli spostamenti casa-lavoro. Una scelta che privilegia l'ambiente, la sicurezza delle strade e delle persone.

Proprio grazie a questa logica, alcuni cittadini dei comuni di Manfredonia e Monte Sant’Angelo - che svolgono attività lavorativa presso gli Ospedali Riuniti di Foggia - e altri che hanno necessità personali, grazie anche agli interventi dei rispettivi sindaci e con la fattiva collaborazione dell'assessorato regionale e provinciale ai Trasporti, hanno potuto usufruire di un servizio navetta diretto con il polo ospedaliero di Foggia.

Questo servizio, svolto da aziende consorziate del Cotrap, è stato sostenuto dalla mobilitazione degli utenti (sempre più numerosi), dei  sindaci dei comuni interessati, delle  varie organizzazioni sindacali  e dalle testate di informazione locali tanto da ottenerne una proroga fino al 30 settembre. Ma non è abbastanza.

“Vista la scadenza prossima e alla luce dei dati di traffico e al numero crescente degli utenti che ne usufruiscono, occorre attivarsi affinché dal 1° ottobre tale servizio non cessi, tenuto conto della sua grande e innegabile utilità”, spiegano dalla segreteria della Filt Cgil Foggia che chiede di collaborare “affinché si possa inserire tale servizio tra quelli essenziali garantendone la continuità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Gargano agli Ospedali Riuniti: "Garantire il servizio navetta"

FoggiaToday è in caricamento