‘Mangiare insieme’ a Carpino: il Comune estende il servizio di mensa agli alunni della scuola primaria

Il progetto estenderà la mensa anche al martedì giorno di rientro pomeridiano. Così gli studenti potranno restare a scuola dopo il termine delle lezioni alle 13.20 e riprendere le attività alle 15

Martedì 13 novembre partirà il progetto “Mangiare insieme” a cura dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Carpino che permetterà di estendere il servizio di refezione anche agli alunni della scuola primaria, il martedì, giornata di rientro pomeridiano, permettendo così agli studenti di rimanere comodamente a scuola usufruendo del servizio mensa dopo il termine delle lezioni alle 13.20 e, di riprendere le attività scolastiche alle 15 e terminarle alle 17.

Questa esigenza, sottolinea la Vice Sindaco D.ssa Caterina Foresta – Delegata alla Pubblica Istruzione del Comune di Carpino, era da più tempo manifestata da molti genitori, ora l’impegno dell’Amministrazione comunale e della scuola ha fatto sì che questa nuova opportunità possa essere fornita a tutte le famiglie indistintamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le finalità del progetto sono molteplici – continua la Vice Sindaco –: promuovere il benessere fisico attraverso una corretta alimentazione per combattere il fenomeno dei disordini alimentari sempre più crescente nei bambini. Essere un momento di convivialità condividendo con i compagni il piacere di stare a tavola; la mensa come luogo di socializzazione e integrazione favorendo il confronto durante il momento del pasto. La nostra è una mensa sostenibile nel rispetto dell’ambiente, di qualità e che assicura un’alimentazione sana, equilibrata, gustosa ed educativa come momento di educazione alimentare orientato al consumo consapevole. Educatrici specializzate si occuperanno del servizio di vigilanza e cureranno anche il momento del post-mensa dedicato ad attività ludiche volte a riflettere sull’importanza del rispetto di sé stessi, degli altri e dell’intera collettività”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • Conte firma il nuovo Dpcm: locali chiusi a mezzanotte, feste in casa massimo in sei e quarantena da 14 a 10 giorni

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento