Manfredonia, casa di riposo 'Anna Rizzi': in sciopero la cooperativa OSS Sanitas

La Fisascat Cisl evidenzia il disagio dei lavoratori ai quali non viene assicurata una regolare e puntuale corresponsione delle retribuzioni. Lo sciopero è indetto per il 28 ottobre prossimo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Non sono serviti a nulla gli innumerevoli richiami inoltrati dal sindacato Fisascat Cisl, che cura gli interessi dei lavoratori e lavoratrici cui è applicato il CCNL delle Cooperative, all'azienda OSS Sanitas, affinché quest'ultima si ravvedesse e rientrasse col debito nei confronti dei lavoratori che non riescono a percepire le spettanze retributive, ferme ormai a più di tre mensilità.

“La compostezza dei lavoratori che continuano a prestare servizio di pulizia alla persona e servizi generici all'interno della Casa di Riposo ‘Anna Rizzi’ di Manfredonia, non è ripagata affatto – afferma il segretario generale, Leonardo Piacquaddio – in quanto permangono i disagi economici che stanno sopportando da mesi.  Una situazione insostenibile – continua il sindacalista – neppure la richiesta di confronto sindacale, risalente ormai al giugno scorso, riceve riscontro dalla cooperativa".

"Per questo chiediamo di discutere oltre che della mancata erogazione degli stipendi, anche dell'organizzazione del lavoro e del mancato rispetto dell'accordo sindacale, siglato nell'ottobre del 2012, nel quale fu concordato che le ore eccedenti, rispetto al monte ore complessivo dell'appalto, sarebbero state equamente ripartite tra tutti i dipendenti cosiddetti storici con aumento dei parametri contrattuali”.

La Fisascat evidenzia, ancora una volta, il disagio dei lavoratori ai quali non viene assicurata una regolare e puntuale corresponsione delle retribuzioni.  A sostegno di questi ultimi è stata dichiarata una giornata sciopero che si terrà il 28 ottobre prossimo.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento