Pubblico impiego: il 28 ottobre 2011 sciopero nazionale promosso dall'Uil

Il Comune di Foggia sostiene le proposte della UIL FLP. Mongelli: "Intrapreso un percorso condiviso mirato a migliorare i servizi"

Siamo di fronte ad una Pubblica Amministrazione obsoleta per il taglio della formazione e dell’aggiornamento, invecchiata dai tagli agli organici e dal blocco del turn over mentre l’età media dei lavoratori pubblici supera i 50 anni, compromessa nella reale possibilità di garantire i servizi essenziali a causa della pesante riduzione dei trasferimenti al sistema degli Enti Locali e della Sanità, incapace di valorizzare le professionalità dei dipendenti con il blocco della contrattazione e la continua proliferazione delle esternalizzazioni. Eppure, nelle ultime finanziarie, l’unica politica adottata è stata quella dei tagli indiscriminati, una politica dai risvolti devastanti per il presente ed il futuro del Pubblico Impiego e del Paese”.

Aldo Pugliese, Segretario Generale della UIL di Puglia e di Bari, conferma così la partecipazione di tutte le categorie regionali dell’Amministrazione Pubblica alla manifestazione che, il prossimo 28 ottobre, farà da corollario, lungo le strade di Roma, allo sciopero nazionale del Pubblico Impiego. I motivi dell’iniziativa della UIL e le contro proposte alla manovra del Governo, saranno rese pubbliche il 20 ottobre, alle ore 11 presso la sede della UIL di Puglia e di Bari in c.so Alcide De Gasperi 270, nel corso di una conferenza stampa che vedrà la partecipazione della Segreteria Generale confederale di Puglia e dei Segretari Generali delle categorie regionali coinvolte dalla mobilitazione.

L’amministrazione comunale di Foggia sosterrà la mobilitazione nazionale promossa dalla UIL prevista per il prossimo venerdì 28 ottobre. Questa la sintesi dell’incontro svoltosi ieri presso Palazzo di Città tra il sindaco Gianni Mongelli e il segretario generale della UIL di Foggia, Gianni Ricci, e il segretario generale della FLP UIL, Luigi Giorgione, e che ha portato alla firma di un’intesa che sancisce l’impegno congiunto del sindacato e dell’amministrazione per costruire un percorso comune mirato al rilancio della Pubblica amministrazione sul territorio.

La manovra finanziaria – dichiara Mongelli – ha determinato una stretta sul pubblico impiego e ha sottratto numerose risorse alle amministrazioni locali. Un’azione questa che non può essere giustificata dalla necessità di contrarre la spesa pubblica e che trova motivazione nella manifesta incapacità del Governo di assumersi le proprie responsabilità scaricando sugli enti locali e i lavoratori il peso di una manovra iniqua e sostanzialmente insostenibile. L’iniziativa promossa dalla Uil trova, in questo contesto, il pieno appoggio della nostra amministrazione, aprendo la strada a un percorso condiviso finalizzato all’ottimizzazione dei servizi e alla riduzione dei costi di gestione della macchina amministrativa”.

Dieci, quindi, le proposte della UIL che vedono coinvolte, oltre il Comune di Foggia, anche altre amministrazioni locali: rilancio della contrattazione integrativa; diminuzione delle tasse per il lavoro pubblico; soluzione al problema del precariato; riduzione dei consti della politica, degli sprechi e della spesa improduttiva; riorganizzazione degli ambiti territoriali delle amministrazioni locali e della sanità; attivazione di un tavolo di confronto sulle relazioni sindacali con il Governo e le associazioni degli enti locali; alleanza con gli amministratori locali, lavoratori e cittadini; riconoscimento del valore del lavoro pubblico; reale avvio della previdenza complementare; vertenze UIL FPL su Tfr, Tfs e lavori usuranti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il nostro intento – spiegano Ricci e Giorgione – è quello di siglare un patto forte con le amministrazioni locali dove trovino istanza le nostre dieci proposte per un garantire al meglio i diritti di cittadinanza, un impegno questo che a nostro avviso non può essere realizzato senza la partecipazione tanto degli enti quanto dei dipendenti pubblici. Venerdì prossimo il nostro sindacato si farà portavoce di quanti sono convinti che un sistema pubblico migliore sia possibile e attuabile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento