Senza contratto da 28 mesi, i lavoratori dei lapidei di Apricena incrociano le braccia

I sindacati denunciano l'ostruzionismo delle imprese: "Altro che crisi. Nel settore si registra un volume di affari di oltre 10 milioni di euro al mese". Lo sciopero in programma il prossimo giovedì 8 maggio

Immagine di repertorio

I lavoratori lapidei del comparto di Apricena sciopereranno il prossimo 8 maggio. La decisione è stata assunta dalle organizzazioni sindacali territoriali di categoria Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil per protestare contro il mancato rinnovo del contratto provinciale di lavoro scaduto da 28 mesi.

Gli addetti del comparto marmifero sono tornati in assemblea generale lo scorso 29 aprile ed hanno deciso di rafforzare la mobilitazione. “In questi giorni, gli imprenditori del settore si sarebbero riuniti – riferiscono i segretari generali Yuri Galasso, Urbano Falcone e Giovanni Tarantella - decidendo di non aprire il tavolo delle trattative. Secondo Confindustria e Confapi non vi sarebbero le condizioni per discutere del contratto a causa della crisi”.

“Ma i numeri - precisano - dicono altro ed evidenziano un settore in forte crescita in termini di produttività e di export. Da una semplice valutazione di mercato del prodotto di pietra, si evince un volume d’affari mensile che si aggira intorno ai 10 milioni di euro. Il cuore del distretto provinciale ha segnato cifre da record soprattutto per quel che riguarda l' export in aumento del 40%. E' inoltre cresciuta la produttività del 26%”.

Ciò nonostante si continua ad ignorare le rivendicazioni dei lavoratori che chiedono il giusto riconoscimento economico e contrattuale. Sono in 1.500 gli operai del settore lapideo della provincia di Foggia in attesa del rinnovo di un contratto provinciale scaduto il dicembre 2011. Nel frattempo nessun segnale di apertura al confronto è arrivato dalle associazioni di rappresentanza delle imprese ed a nulla è valso il tentativo di mediazione del prefetto di Foggia.

Di fronte all’ostruzionismo di Confindustria e Confapi, i sindacati hanno indetto per il giorno 8 maggio uno sciopero di 2 ore, dalle 14 alle 16, cui seguirà un corteo dei lavoratori per le strade di Apricena che si concluderà con un comizio in Piazza Municipio tenuto dai segretari generali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La piattaforma per il rinnovo contrattuale che abbiamo presentato oramai da mesi - ricordano Feneal, Filca e Fillea - non si concentra solo sugli aspetti salariali ma vuole essere un utile contributo al rafforzamento e alla crescita del settore. Innovazione, sviluppo tecnologico, crescita dimensionale, qualificazione professionale e sicurezza sono aspetti che vogliamo affrontare per far crescere il comparto e difendere l'occupazione e il potere d'acquisto dei salari dei lavoratori. Tutto ciò, in un quadro in cui le stesse imprese ne uscirebbero rafforzate e con un occhio attento alla sostenibilità ambientale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento