menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Di Biase, fermo immagine da un video di TgNorba

Di Biase, fermo immagine da un video di TgNorba

Di Biase aveva ragione: l’Agenzia delle Entrate dovrà restituire 8,7 milioni a Sanitaservice

La Sanitaservice non è soggetto passivo Iva, lo ha stabilito la commissione tributaria. L’ex amministratore unico: “Per me è una soddisfazione sul piano professionale, anche se ci ho dovuto rimettere il mandato”

Ci ha rimesso il mandato da amministratore unico di Sanitaservice, ma Antonio Di Biase aveva ragione a sostenere che la società in house affidataria dei servizi strumentali della Asl di Foggia non era soggetto passivo Iva, ovvero non svolge attività economica o d’impresa in modo indipendente o autonomo.

La prima battaglia è stata vinta, i giudici gli hanno dato ragione: è conforme a legge l’istanza di restituzione dell’Iva versata dalla Sanitaservice Foggia dalla sua costituzione ad oggi. Di Biase si prende così la sua personale rivincita: non ha creato alcun buco nelle finanze regionali. Lo sosteneva dal 2009.

Sanitaservice svolge attività di supporto alle funzioni amministrative della Asl di Foggia e non svolge attività economiche in modo indipendente. L’Agenzia delle Entrate è stata pertanto condannata a restituire 8,7 milioni di euro, vale a dire l’iva versata sulle attività di pulizia e manutenzione. Sanitaservice non dovrà versarla (32 milioni di euro) nemmeno sulle attività del 118 e ausiliariato sociosanitari negli ospedali.

La commissione tributaria provinciale ha stabilito altresì che i versamenti eseguiti da soggetto non passivo Iva integrano erronei/indebiti pagamenti. Antonio Di Biase ha potuto chiedere quindi la restituzione di 8,7 milioni di euro e non esclusivamente di 2,2 milioni (l’ammontare degli ultimi due anni), perché Sanitaservice, non essendo soggetto passivo Iva, ha pagato erroneamente, vale a dire che il termine per chiedere i soldi indietro non è quello fiscale di due anni ma civilistico, quindi di 10.

Questa sentenza potrebbe voler dir tanto e far risparmiare alla Regione Puglia dai 25 ai 30 milioni di euro all’anno sulle sanitaservice regionali. “Per me è una soddisfazione sul piano professionale, anche se ci ho dovuto rimettere il mandato” si limita a dire Antonio Di Biase a FoggiaToday.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento