Rifiuti non raccolti a San Severo, "ma Miglio pensa solo alla sua campagna elettorale"

E' la denuncia di Leo Irmici, coordinatore cittadino de L'Alternativa. "L'aver previsto un cambio di raccolta in pochi giorni e con una informazione deficitaria ha creato più di qualche intoppo"

“Nelle ultime ore sono tanti i disagi lamentati dai cittadini di alcune aree della città a causa della presenza di buste di immondizia non raccolte. In questo degrado c'è chi invece di preoccuparsi di come andrebbe gestito meglio il servizio pensa a fare affiggere manifesti per la sua ricandidatura”. È quanto afferma il coordinatore de L'Alternativa, Leo Irmici, che si è fatto portavoce dei disagi che vivono i sanseveresi. “È evidente che agli amministratori cittadini – continua Irmici – interessa più raccontare di lavori futuri, finanziamenti che chissà quando arriveranno realmente invece di preoccuparsi di come i sanseveresi vivono la quotidianità e i disagi che sono costretti ad affrontare. L'aver previsto un cambio di raccolta in pochi giorni e con una informazione che non ancora tutti sembrano aver ricevuto ha creato più di qualche intoppo. Inoltre ancora una volta un servizio così importante è stato riorganizzato senza che venissero ascoltate le istanze della cittadinanza. É questa la partecipazione promossa dall'amministrazione comunale?”

Secondo il movimento civico L'Alternativa la raccolta differenziata e la sua gestione dovrà essere un tema sulla quale occorrerà confrontarsi e avviare azioni concrete finalizzate al conseguimento di premialità e benefici per i cittadini. “In molte realtà comunali – conclude il rappresentante de L'Alternativa Leo Irmici – i cittadini beneficiano di sconti sulla Tari, di premialità e addirittura molti Comuni si sono dotati di buste o bidoncini con microchip per premiare quei cittadini che correttamente differenziano i rifiuti domestici o per risalire a quelle utenze domestiche che non differenziano affatto. Ci chiediamo come mai ciò che in altre realtà è normalità da noi diventa utopia? Non ci sembra corretto, perciò, etichettare i sanseveresi come incivili, se in molti casi i disagi nascono da un servizio che dovrebbe essere programmato con efficienza e ciò non avviene”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: primo caso di Coronavirus in Puglia

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Tampone su un paziente, si attendono i risultati: quarantena provvisoria per i sanitari entrati in contatto col soggetto

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Coronavirus: altri due casi in Puglia, sono la moglie e il fratello del 'Paziente 1' della provincia di Taranto

  • Violenti scontri nel Foggiano: tafferugli tra baresi e leccesi sulla A16, incendiato un veicolo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento