Tributi, il Comune si libera di Aipa: si va verso l’internalizzazione del servizio

Il comune di Foggia ha avviato il procedimento amministrativo finalizzato alla risoluzione del contratto con l'Aipa, dopo la scadenza dell'affitto di ramo d'azienda a Mazal Global Solution Srl

Scaduto il contratto d’affitto del ramo d’azienda tra l’Aipa e la Mazal Global Solution relativo al servizio di accertamento e riscossione dei tributi, il dirigente dei Servizi Finanziari del Comune di Foggia, Carlo Dicesare, il 5 febbraio trasmetteva una comunicazione al segretario generale Maurizio Guadagno, al dirigente del Servizio Contratti e Appalti, Ernesto Festa, ed al dirigente del Servizio Avvocatura, Domenico Dragonetti, per chiedere l’urgente convocazione di una conferenza di servizio al fine di procedere agli adempimenti relativi alla cessazione del contratto tra l’Amministrazione comunale e l’Aipa.


All’esito della conferenza di servizio –  tenutasi questa mattina alla presenza del sindaco di Foggia, Franco Landella, dell’assessore ai Contratti e agli Appalti, Sergio Cangelli, dell’assessore alle Politiche Fiscali, Annarita Tucci, dei dirigenti dei Servizi Coinvolti e del Segretario Generale dell’Ente – è stato condiviso l’impianto.

Alla data della scadenza del contratto di affitto di ramo d’azienda tra Aipa SpA e Mazal Global Solution Srl, avvenuta lo scorso 22 gennaio, tra le parti non risultano essere intervenuti né il contratto definitivo di cessione di ramo d’azienda né la documentazione attestante una eventuale proroga, così come stabilito dall’articolo 3.2 del contratto di affitto del 22 gennaio 2015.

In assenza della possibilità di attivare una forma di proroga automatica, infatti, le missive con le quali Aipa SpA e Mazal Global Solution Srl comunicavano al Comune di Foggia il raggiungimento dell’intesa utile alla proroga dell’affitto di ramo d’azienda – datate 2 febbraio 2016 e 5 febbraio 2016 – non possono essere considerate in alcun modo conformi al dettato normativo in materia.


In ragione di queste circostanze, e considerandosi scaduto il contratto di affitto di ramo d’azienda, la titolarità del contratto di accertamento e riscossione dei tributi locali torna nella disponibilità di Aipa SpA, che, tuttavia, è attualmente sospesa dall’albo dei soggetti abilitati alla gestione delle attività di liquidazione, accertamento e riscossione dei tributi, così come disposto dal Mef con delibera numero 5 del 5 novembre 2015. Condizione, quest'ultima, da cui discende, come previsto dal Capitolato Speciale d'Oneri e del Disciplinare di gara, la cessazione del contratto tra Aipa SpA e Comune di Foggia per intervenuta mancanza del requisito soggettivo.



Sulla base di questi elementi, dunque, il dirigente del Servizio Contratti e Appalti, Ernesto Festa, ha trasmesso ad Aipa SpA e a Mazal Solution Srl la comunicazione di avvio del procedimento amministrativo volto alla risoluzione contrattuale che sarà formalizzato allo scadere del decimo giorno dal ricevimento della comunicazione stessa. Gli uffici dei Servizi Finanziari, nel frattempo, hanno cominciato il lavoro di studio e di analisi finalizzati a costruire le condizioni per l'eventuale internalizzazione del servizio di accertamento e riscossione dei tributi della città di Foggia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • "Irresponsabile incoraggiare la didattica in presenza". Appello di Emiliano al mondo della scuola. "La mia non è una crociata"

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

Torna su
FoggiaToday è in caricamento