‘Vertenza Mucafer’, tra licenziamenti collettivi e mobilità: 135 famiglie a rischio

Finalmente approvata la cassa integrazione, ma per i sindacati c’è poco da gioire: aA breve il licenziamento collettivo per le 135 unità. “E’ necessario avviare opere finanziate per rilanciare occupazione nel settore edile”

Immagine di repertorio

“Ai dipendenti Mucafer, dopo tempi biblici, è arrivata l’approvazione della Cassa integrazione. Una sofferenza che abbiamo rilevato in tutte le assemblee tenute con i lavoratori della Mucafer, comune a migliaia di lavoratori in Italia, in una situazione di crisi del settore dell’edilizia senza precedenti e che ha visto nella nostra Provincia dimezzare tutti gli indici di rifermento”. E’ quanto affermano Fenela Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil di Capitanata in merito alla vertenza dell’impresa di costruzioni di Manfredonia.

“Ogni giorno il Ministero del lavoro emette decreti per migliaia di lavoratori, una situazione che continua ad aggravarsi nel nostro settore come rilevato negli indici degli ultimi sei mesi inerenti numeri addetti ore lavorate e massa salari”, ricordano i segretari delle tre categorie, Galasso, Falcone e Tarantella. “Purtroppo c’è poco di essere soddisfatti. Abbiamo appreso l’avvio dei licenziamenti collettivi con procedura di mobilità dei 135 dipendenti della Mucafer a seguito della procedura concorsuale di liquidazione coatta amministrativa, avvenuta con decreto del 30 gennaio 2015 in cui si evince un attivo di circa 139 milioni e un passivo di circa 166 milioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La provincia ha fissato l’incontro per l’esame congiunto della procedura di mobilità in data 6 marzo che vedrà alla scadenza della Cigs il licenziamento collettivo per le 135 unità lavorative. “Un colpo ulteriore al lavoro e al sistema produttivo di Capitanata - affermano Feneal, Filca e Fillea - che si aggiunge ad altre vertenze presenti sul territorio, come quella relativa all’Inside che oggi vede gli ex dipendenti non aver percepito il TFR a seguito di concordato preventivo”. Per i sindacati delle costruzioni “è urgente avviare tutte le opere progettate e non ancora cantierizzate, rispettando principi di regolarità e legalità, per mettere un freno alla caduta libera del settore dell’edilizia e realizzare opere infrastrutturali tra l’altro quanto mai necessarie per questa provincia perché riguardano il versante infrastrutturale e l’assetto idrogeologico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

  • Attimi di terrore sulla A16: conflitto a fuoco tra polizia e ladri all'altezza di Candela

  • Coronavirus, l'infezione circola in 53 comuni foggiani: salgono a otto le 'zone rosse'. Covid-free nove comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento