Economia

Sanità privata, sproporzione tra Bari e Foggia: “Aumentare fondo sanitario da 20 a 28 milioni”

La richiesta della Direzione generale della ASL di Foggia circa l’aumento del Fondo sanitario può sicuramente risollevare l’organizzazione delle case di cura e dei servizi prioritari per il territorio

Il tavolo tenutosi presso la Direzione generale della ASL di Foggia con i rappresentanti della sanità privata di Capitanata è per la Funzione Pubblica CGIL un’iniziativa importante per superare le problematiche che attanagliano l’intero settore provinciale, che si scaricano sulle condizioni di lavoro, sul salario degli operatori oltre a creare problemi all’utenza. La richiesta della Direzione generale della ASL di Foggia circa l’aumento del Fondo sanitario provinciale da 20 a 28 milioni di euro, può sicuramente risollevare l’organizzazione delle case di cura e dei servizi prioritari per il territorio.

Da un'analisi e ricognizione effettuata in merito alla ripartizione del fondo per la sanità privata, si evince una sproporzione, a dispetto dei 300 miliardi del fondo, tra i 120 destinati alla provincia di Bari e i 20 alla Capitanata. A questo dato, va aggiunta la spesa complessiva di 65 milioni per la mobilità passiva extra regionale che riguarda la sola Capitanata, e che grava sulle casse regionali in conseguenza di una carenza di servizi per l’utenza. A penalizzare inoltre gli operatori vi è l’assenza di un contratto settoriale, non rinnovato dal 2000.

Per la FP CGIL è opportuno che immediatamente si possa costituire un tavolo unico tra ASL, AIOP/Confindustria e Sindacati per affrontare tale questione presso la Regione Puglia e per evitare che il clima elettorale possa posticipare tale esigenza.

Brodetti

5.815.554,60

CC Riunite

9.532.488,38

Daunia

414.563,19

De Luca

1.801.998,23

San Michele

2.369.793,68

TOTALE

20.047.080,00

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità privata, sproporzione tra Bari e Foggia: “Aumentare fondo sanitario da 20 a 28 milioni”

FoggiaToday è in caricamento