Gino Lisa: il comitato dà un'altra chance alla Regione, per trovare la retta VIA

Il comitato Gino Lisa torna a farsi sentire confidando nella posizione della Regione Puglia di non rilasciare l'assenso al piano nazionale degli aeroporti senza l'inserimento dello scalo di Foggia

“Riunione terminata, Puglia ed Emilia Romagna hanno chiesto di non rilasciare l'assenso al piano in assenza dell'inserimento degli scali di Forlì e Foggia nel documento finale”. Il comitato Gino Lisa vorrebbe che la posizione assunta dalla Regione e riportata due settimane fa dall’assessore regionale Leo Di Gioia sul proprio profilo Facebook, fosse confermata nei prossimi incontri istituzionali. Il comitato affida ad una nota stampa un aggiornamento sulla vicenda Gino Lisa, tra il rilascio della VIA e il suo inserimento nell’elenco degli aeroporti di interesse nazionale.

LA NOTA DEL COMITATO. Nel nuovo corso di dialogo iniziato in occasione dell’incontro presso la Camera di Commercio, l’assessore di Gioia ha precisato con un certo ottimismo i contenuti delle novità, anticipate via FB e diramate dagli organi si stampa, sulla vexata quaestio dell’inserimento dello scalo di Capitanata nel piano aeroportuale nazionale, nell’ipotesi che si risolvano positivamente gli ostacoli che sono presupposto per ogni altra idea di sviluppo dello scalo: tempi biblici per il rilascio della VIA, silenziosamente fin qui subiti dalla Regione Puglia (anche venerdì u.s. fumata nera dalla commissione VIA! ); parere della Commissione UE sul presunto rischio che il finanziamento dei lavori di adeguamento della pista di Foggia rappresenti aiuto di Stato.

A questo proposito, è evidente che tre anni di silenzi, differimenti e difficoltà di ogni genere e a ogni livello, non possono essere cancellati se non dalla dimostrazione di un fattivo interessamento della Regione e di AdP, entrambi titolati a fare molto per sollecitare la conclusione di un provvedimento protratto oltre ogni limite di ragionevolezza.

Per quanto riguarda il piano aeroportuale, le notizie diffuse in prima istanza via FB, riguardavano la presentazione, da parte della Regione Puglia, di un preciso emendamento alla bozza del DPR, con richiesta d’inserimento del Gino Lisa nell’elenco degli aeroporti di interesse nazionale. Emendamento che sarebbe stato accolto dalla Commissione Infrastrutture e Mobilità della Conferenza delle Regioni. Nel corso del recente incontro è stato prospettato uno scenario diverso da quello preannunciato, tant’è che, seppur con spirito di collaborazione, ci siamo riservati di esprimere valutazioni di merito dopo una più approfondita lettura, in quanto nel testo presentato, il Gino Lisa non risulta fra gli aeroporti nazionali, come ripetutamente richiesto dal presidente Vendola e dall’assessore Giannini.

L’attuale testo del DPR ignora l’inserimento di diritto dello scalo di Foggia fra quelli di interesse nazionale, non solo per tutte le motivazioni oggettive ripetutamente rappresentate e in parte richiamate nell’ emendamento, ma perché lo scalo, componente imprescindibile di un sistema aeroportuale unico gestito unitariamente da AdP, pare rispondere ai due requisiti espressamente richiesti nella bozza del Decreto per l’inserimento fra quelli di interesse nazionale.

Pur volendo, non possiamo esimerci dall’osservare che è decisamente riduttiva e poco convincente, rispetto alle istanze e alle aspettative, l’ipotesi di affidare il “ripescaggio” del Gino Lisa a fasi e programmi successivi, o ad una norma generale che ne riconosca la valenza ai fini di una continuità territoriale temporanea, con destinazioni limitate, per l’unico eventuale aspetto positivo di ottenere un contributo statale a parziale copertura degli oneri tariffari.

Vorremmo essere ottimisti, ma in questi termini, per arrivare all’obiettivo di avviare i collegamenti da Foggia potrebbe essere necessario ancor più tempo di quello necessario per completare i lavori di allungamento della pista, mentre è evidente che la partita passerebbe di mano all’attenzione della prossima rappresentanza governativa regionale. Ritorniamo, quindi, a quanto riportato nella pagina FB dell’assessore di Gioia al termine della riunione romana del 14 u.s. cui ha partecipato in rappresentanza della Regione Puglia: “Riunione terminata, Puglia ed Emilia Romagna hanno chiesto di non rilasciare l'assenso al piano in assenza dell'inserimento degli scali di Forlì e Foggia nel documento finale.

Questa è la posizione assunta dalla Regione Puglia che condividiamo, che vorremmo fosse coerentemente confermata in occasione dei prossimi incontri istituzionali ai quali non dovrebbe mancare la presenza e il supporto forte e attivo del presidente Vendola, così come risulta stiano facendo i presidenti di altre regioni a sostegno dei programmi di mobilità dei loro territori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

  • Coronavirus, l'infezione circola in 53 comuni foggiani: salgono a otto le 'zone rosse'. Covid-free nove comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento