Il Tar dà ragione alla Giunta di San Severo: revocata la gestione dei parcheggi

Il Tar Puglia conferma la revoca della gestione del servizio di parcheggio pubblico in via Solis, Corso Gramsci, via D'Alfonso, Corso Garibaldi, via Masselli e via Fraccacreta. Taranto Ugl: “Ora problema occupazionale”

Immagine di repertorio

Il Tar Puglia conferma la legittimità della decisione di revocare alla cooperativa Astra Service la gestione del servizio di parcheggio pubblico lungo via Solis, Corso Gramsci, via D'Alfonso, Corso Garibaldi, via Masselli e via Fraccacreta. La revoca dell'affidamento è stata decisa dalla Giunta comunale d'intesa con la Prefettura di Foggia che aveva evidenziato profili di illegittimità negli atti adottati dalla precedente amministrazione comunale nel 2011.

Ha spiegato il sindaco di San Severo: “La decisione di revocare gli atti di giunta con i quali per cinque anni si affidava la gestione del servizio alla cooperativa sociale ar.l. ‘Astra Service’, è giunta a seguito dell'intesa con il Prefetto, con cui si rilevava che dagli atti di affidamento del servizio di gestione del parcheggio pubblico emergevano profili di illegittimità”.

Anche la prima sezione del Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia ha respinto l'istanza cautelare proposta dalla Astra Service con ordinanza del 18 novembre 2015. “Pertanto la sosta per i cittadini su via Tiberio Solis, corso Gramsci, via Filippo D'Alfonso, corso Garibaldi, via Teresa Masselli e via Angelo Fraccacreta è libera” conclude l'assessore alla Legalità, Antonio Cicerale.

Sulla vicenda si è espresso il segretario provinciale della Ugl, Gabriele Taranto: “Pur rispettando il parere del Tribunale amministrativo relativo alla richiesta di revoca del servizio oggi si pone un ulteriore problema occupazionale in città. E’ inevitabile quindi porsi il problema su come intervenire ed affrontare l’incognita occupazionale, che colpisce una categoria sociale delicata”.

Precisa Gabriele Taranto: “Si parla di lavoratori provenienti da situazioni di particolare disagio, tra questi anche ex detenuti messi  ai margini, o esclusi dal mercato del lavoro, che hanno fatto parte di un programma di reinserimento socio-lavorativo. Non entriamo nel merito delle eventuali distorsioni e deviazioni, che avrebbero impedito una gestione del servizio efficace, ed efficiente nel rispetto della legalità”.


Conclude il segretario: “Per queste ragioni chiediamo la possibilità di un tavolo di approfondimento in sede istituzionale per poter discutere e confrontarci su questa ed altre emergenze occupazionali presenti a San Severo”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • 170 pazienti in terapia intensiva e 1392 in area non critica in Puglia. Nel Foggiano covid-free solo due comuni su 61

Torna su
FoggiaToday è in caricamento