rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Economia

Sempre meno residenti in Puglia: nel Foggiano calo attenuato da 4mila stranieri in più

Rispetto allo scorso anno è Brindisi la provincia con il calo demografico più consistente. Foggia è la seconda provincia più 'giovane' con una età media di 45,5 anni, seconda solo alla Bat

Al 1° gennaio 2024 la popolazione residente in Italia è di poco inferiore ai 59 milioni di unità. Così dicono i rilevamenti dell'Istat nell'ultimo report relativo agli indicatori demografici.

Il dato al 1° gennaio dell'anno in corso evidenzia un calo di ben 7mila unità (pari allo 0,1 per mille abitanti) rispetto alla stessa data dell'anno precedente, "confermando quanto già emerso nel 2022 (-33mila unità) prosegue il rallentamento del calo di popolazione che, dal 2014 al 2021 (-2,8 per mille in media annua), ha contraddistinto il Paese nel suo insieme", si legge nel report. 

Una variazione eterogenea che vede un incremento al Nord del 2,7 per mille, uno più lieve nelle regioni del Centro (+0,1 per mille) e un calo nel Mezzogiorno pari al -4,1 per mille. 

Il calo della popolazione residente ha diverse motivazioni. In primis, la sempre più bassa natalità. Sono appena 379mila i bambini venuti al mondo nel 2023, anno nel quale si registra l'undicesimo record negativo di fila: "Un processo, quello della denatalità, che dal 2008 (577mila nascite) non ha conosciuto soste", rileva l'Istat. Sulla natalità, come si è visto, la provincia di Foggia fa registrare uno dei pochi dati positivi, grazie alle 46 nascite in più registrate rispetto all'anno precedente. 

Va segnalato un calo anche dei decessi (661mila), diminuiti dell'8% rispetto al 2022. Da questo punto di vista il dato si avvicina sempre di più ai livelli pre-pandemici, rispetto a quelli del triennio 2020-2022 durante i quali il Covid ha 'dopato' sensibilmente il numero dei morti.  

A compensare il numero dei residenti ci pensano le iscrizioni dall'estero (416mila) e le cancellazioni per l'estero (142mila) che determinano un saldo migratorio di 274mila unità. Ciò fa sì che la popolazione residente resti più o meno stabile rispetto all'anno scorso. 

I dati al 1° gennaio 2024 (va precisato che si tratta di dati stimati) evidenziano una popolazione totale in Puglia di 3 milioni e 890mila abitanti. Nessuna delle sei province fa registrare il segno più. In termini di variazioni ogni mille persone, il calo più contenuto è quello fatto registrare dalla provincia di Bari (-2,7 per mille).

Rispetto alla stessa data dell'anno precedente, Foggia non è la provincia con la riduzione più consistente, primato che spetta alla provincia di Brindisi (-6,5 per mille) di poco superiore al dato di Taranto (-6,5 per mille).

Ad attenuare il calo generale dei residenti - come accade a livello nazionale - è l'incremento di residenti stranieri.

Nella sola Capitanata la variazione positiva sfiora le 4mila unità, per una incidenza percentuale che sfiora il 6%. 

Popolazione residente in Puglia al 1° gennaio 2024-2

La Capitanata è però la provincia pugliese con la seconda età media più bassa (45,5 anni), dietro alla Bat che si ferma a 44,9. Il dato è inferiore alla media nazionale che si attesta sui 46,6 anni (due mesi in più rispetto allo scorso anno). Lecce è invece la provincia più 'anziana' della Puglia con una media di 47,5 anni. 

Per quel che concerne il dato regionale, rispetto al dato dello scorso anno, l'età media in Puglia si alza di tre mesi, passando da 46 a 46,3, ma resta una delle regioni più giovani.

Il podio resta inviarato con la Liguria (49,5 anni) davanti a Sardegna e Friuli-Venezia Giulia. Savona, Biella e Oristano sono invece le province più 'anziane', nonché le uniche tre ad avere una età media superiore ai 50 anni (50,1). 

Indicatori demografici Istat: l'età media in Italia al 1° gennaio 2024

Come detto, rispetto alla rilevazione dello scorso anno, a livello nazionale l'età media è cresciuta ancora, seppur in maniera più lieve, passando dai 46,6 anni del 2022 ai 46,3 anni del 2023. Sono soltanto otto le regioni con una età media inferiore a quella nazionale. Tra queste figura la Puglia, la settima regione più 'giovane' in Italia, nonché la quarta del Mezzogiorno. Il 24,2% della popolazione pugliese ha più di 65 anni, mentre la categoria 0-14 occupa il 12%, con il picco della Bat che raggiunge il 12,7%, di poco superiore a Foggia che si ferma al 12,6%. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sempre meno residenti in Puglia: nel Foggiano calo attenuato da 4mila stranieri in più

FoggiaToday è in caricamento