Il patto con le associazioni per “abitare” i poli biblio-museali: la nuova sfida della Regione Puglia

La proposta della Regione alle associazioni pugliesi che vogliono contribuire a sostenere lo sviluppo di biblioteche e musei di Foggia, Brindisi e Lecce, e a promuovere nuove occasioni di fruizione dei patrimoni bibliotecario e museali

Un Patto di Collaborazione per “abitare” gli spazi dei Poli Biblio-Museali di Lecce, Brindisi e Foggia.

È questa la nuova sfida che Regione Puglia, insieme ai direttori dei Poli, lancia alle associazioni pugliesi che vogliono contribuire a sostenere lo sviluppo delle biblioteche e dei musei e a promuovere nuove occasioni di fruizione del patrimonio bibliotecario e museali.

Biblioteche e Musei sono per definizione luoghi di incontro e di confronto, presidi di coesione culturale di una comunità. Per questa ragione la strategia di valorizzazione della Regione Puglia, basata sull’assegnazione alla cultura della funzione trasversale di leva dello sviluppo e della coesione sociale, punta a incentivare il coinvolgimento delle istituzioni culturali, formative, scientifiche e di ricerca, e delle associazioni di promozione sociale, culturale e di volontariato, attraverso la fruizione di spazi idonei, strumentazioni, tecnologie e servizi di cui oggi dispongono i Poli Biblio-Museali.

“Vogliamo costruire - ha detto l’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone - un modello da cui deve scaturire una nuova cultura di gestione in cui pubblico e privato lavorano l’uno al fianco dell’altro nell'interesse dei cittadini e dei visitatori. Insieme dobbiamo puntare ad incidere sulla qualità dei servizi, sull’accessibilità, sulla digitalizzazione del patrimonio. Possiamo fare del patrimonio un’infrastruttura portante dell'economia della Regione. In questa infrastruttura musei e biblioteche devono essere luoghi accoglienti, intriganti, in cui ricostruire i nessi tra la società contemporanea e il proprio passato, e in cui riconciliare i cittadini con il proprio patrimonio culturale”.

Dalle attività laboratoriali, espositive e di ricerca alla formazione, alla progettazione, al co-working, alla comunicazione e promozione, alla valorizzazione del patrimonio librario, museale e documentale delle biblioteche e dei musei, le associazioni pugliesi sono chiamate ad “abitare” gli spazi regionali con le proprie idee, la propria creatività, la propria esperienza, in un’ottica di condivisione progettuale e di fruizione.

Le proposte dovranno essere inviate alla Direzione del Polo Biblio-Museale del territorio di riferimento e saranno valutate dal Comitato di gestione del Polo in relazione al valore culturale e alla capacità di coinvolgere pubblici nuovi. Il Comitato si riserva la facoltà di ascoltare i proponenti al fine di concordare soluzioni progettuali condivise attraverso un processo di coprogettazione. L’adesione al patto è totalmente gratuita.

La Regione Puglia, attraverso i Poli Biblio-Museali gestisce le Biblioteche, i Musei e i Beni Culturali di proprietà delle Province di Brindisi, Foggia e Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento