Emergenza cinghiali in Puglia: “Si intervenga per evitare la giustizia sommaria di agricoltori e cittadini”

Interrogazione del consigliere regionale Gianni Stea all’assessore Di Gioia per conoscere lo stato dei fatti: “Gestione e impatto che la specie ha su coltivazioni e biodiversità è un problema concreto”

“Anche oggi gli organi di informazione riportano notizie allarmanti sulla presenza di branchi di cinghiali tra le strade delle nostre città. Una questione seria che invece in Puglia continua ad essere pericolosamente sottovalutata, nonostante il pericolo rappresentato da questi animali selvatici per l’incolumità della popolazione e per le aziende agricole.

Il rischio è che ad un intervento specifico per tenere sotto controllo il numero di cinghiali si sostituisca una sorta di giustizia sommaria da parte di agricoltori e cittadini. Eppure da mesi in Regione è stata presentata, su iniziativa mia e del collega Donato Pentassuglia, una proposta di legge su Misure urgenti per la programmazione e pianificazione del prelievo venatorio e del controllo del cinghiale (Sus scrofa) atte a contenere l'espansione demografica della specie nel territorio della Puglia”.

E’ quanto sottolinea il consigliere regionale Gianni Stea che annuncia un’interrogazione urgente all’assessore Di Gioia “per conoscere lo stato dei fatti e affinché si affronti seriamente e concretamente il problema della gestione e l’impatto che la specie ha sulle coltivazioni e sulla biodiversità. Senza dimenticare i rischi per l’incolumità della popolazione e in particolar modo degli automobilisti”.
La proposta di legge, attesa la complessità degli argomenti trattati, è stata esaminata e relazionata da ISPRA e contiene le linee di indirizzo per la disciplina dell’avvio sperimentale della ‘caccia al cinghiale’, con le diverse tecniche di prelievo.

“La caccia al cinghiale deve essere finalizzata al mantenimento della presenza della specie a densità compatibili con le altre componenti faunistiche e con le attività produttive agro-silvo-pastorali in modo da prevenire e minimizzare i danni alle colture”, spiega Stea. “E' auspicabile che anche all'interno delle aree protette (Parchi Nazionali, Regionali, ecc.) le misure prevenzione dei danni, la loro stima e gli interventi di controllo sulla specie vengano realizzate secondo quanto indicato nella pdl che, beninteso, non comporta alcun onere a carico del bilancio regionale e che nasce sull’esperienza di quanto già adottato da altre Regione del Centro Nord Italia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • La Puglia diventa gialla: da domenica riaprono bar e ristoranti (fino alle 18) e via libera agli spostamenti tra comuni

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

Torna su
FoggiaToday è in caricamento