Giovedì, 17 Giugno 2021
Economia

La discarica di Cerignola candidata al Recovery Fund: 3,9 milioni per la messa in sicurezza e l'impianto di biogas

La Regione Puglia ha inserito il progetto di copertura del V Lotto nella ricognizione degli interventi a valere sul Piano nazionale di ripresa e resilienza. Lo rende noto la locale sezione del Pd: "Si tratterebbe di un’opera strategica"

La Regione Puglia ha inserito la messa in sicurezza del quinto lotto della discarica di Cerignola, in località Forcone Cafiero, nella lista delle proposte progettuali da candidare a finanziamento tramite il Recovery Fund. Lo rende noto la segreteria del Pd di Cerignola.

"Mentre parte della politica cittadina continua a bisticciare, dimostrando di non aver capito assolutamente nulla del periodo delicatissimo che stiamo vivendo, noi cerchiamo di parlare meno e fare di più", commentano dalla sezione di via Mameli. L'importo dei lavori è stimato in 3,9 milioni di euro ed è contemplato nelle schede elaborate da Ager, nel capitolo relativo alla missione 'Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica'.

È prevista la realizzazione di una copertura provvisoria del V lotto della discarica, al fine di impedire lo scambio di liquidi inquinanti tra il corpo discarica e il terreno circostante nonché lo scambio di effluvi gassosi contenenti biogas con l’atmosfera mediante la realizzazione di una barriera isolante sommitale e un impianto di estrazione e combustione del biogas prodotto dall’ammasso di rifiuti. Il periodo di attuazione è fissato in due anni (2021-2022).

“Si tratterebbe di un’opera strategica, non solo per l’ambiente e per la messa in sicurezza di un sito che, nelle attuali condizioni in cui versa, rappresenta un vero e proprio allarme ambientale, ma anche per l’economia locale grazie alla realizzazione dell’impianto di estrazione del biogas prodotto dalla fermentazione dei rifiuti che, quindi, non solo evita la dispersione di effluvi gassosi nell’aria ma li trasforma in energia. Vogliamo precisare che le procedure di gara per la sola messa in sicurezza (senza impianto di biogas, per intenderci) sono già in corso da parte di Regione Puglia e dovrebbero terminare nelle prossime settimane - chiarisce la segreteria del Partito Democratico - Ora aspettiamo che la Regione Puglia formalizzi la candidatura del progetto e che il nuovo Governo nazionale la approvi in via definitiva. Sarebbe opportuno - concludono i Dem di Cerignola - che tutte le forze politiche che hanno davvero a cuore la nostra città facciano cartello per sostenere un intervento di questo tipo, invece di litigare con reazioni scomposte e inutili a scapito di una credibilità e di una autorevolezza necessaria per rappresentare una seria alternativa allo scempio politico della passata amministrazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La discarica di Cerignola candidata al Recovery Fund: 3,9 milioni per la messa in sicurezza e l'impianto di biogas

FoggiaToday è in caricamento