rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Economia Lesina

Raddoppio della Termoli-Ripalta: c'è il bando per lavori da 438 milioni, l'opera sarà realtà nel 2028

Il completamento dell’opera è previsto nel 2028. L’investimento complessivo è di 594 milioni di euro. L’intervento prevede uno sviluppo del tracciato prevalentemente in variante, con la dismissione della linea ferroviaria esistente. In questo modo saranno incrementate la capacità e la regolarità del traffico ferroviario su tutta la Direttrice Adriatica

Decisivo passo in avanti per il completamento del raddoppio della Direttrice Adriatica Bologna-Lecce. È stato pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il bando per la progettazione e realizzazione del raddoppio della tratta Termoli-Ripalta, secondo lotto funzionale della linea Termoli-Lesina (24,9 km), il cui valore a base di gara è di 438 milioni di euro.

Il progetto definitivo è stato approvato con ordinanza n.3 del 24 giugno 2021 a firma del commissario di Governo per il completamento del raddoppio della linea Pescara-Bari (tratta Termoli-Lesina). L’intervento, che si si colloca parte in territorio molisano e parte in territorio pugliese, prevede uno sviluppo del tracciato prevalentemente in variante, con la dismissione della linea ferroviaria esistente. In questo modo saranno incrementate la capacità e la regolarità del traffico ferroviario su tutta la direttrice Adriatica, con una riduzione dei tempi di percorrenza di circa 40 minuti di tra Bologna e Bari e di circa 60 minuti fino a Lecce.

Il completamento dell’opera è previsto nel 2028. L’investimento complessivo è di 594 milioni di euro. Per quanto riguarda il primo lotto, da Ripalta a Lesina (circa 7 Km), affidato a marzo 2021, per un importo di circa 59 milioni di euro ed un investimento complessivo di 106 milioni, sono in fase di ultimazione le attività di progettazione esecutiva a cura dell’Appaltatore. Seguirà a breve la fase di apertura dei cantieri, con previsione di ultimazione lavori nel 2025.

Non si fatto attendere il commento dell'europarlamentare di Lesina della Lega Massimo Casanova: "È una battaglia che ho ingaggiato sin dall'inizio del mio mandato nella consapevolezza che la modernizzazione infrastrutturale delle regioni del Sud è obiettivo primario per il nostro Paese. La Lega sta portando avanti un lavoro importante per superare quella cultura ambientale fondamentalista che ha bloccato l'Italia e il suo meridione, frenandone la crescita. La vicenda della Termoli-Lesina era paradigmatica in questo senso. Serve un nuovo modello di sviluppo sostenibile se si vuole correre e agganciare la ripresa. E questa la filosofia che muove la Lega. La buona notizia è che, finalmente, sta prendendo piede"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio della Termoli-Ripalta: c'è il bando per lavori da 438 milioni, l'opera sarà realtà nel 2028

FoggiaToday è in caricamento