Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Riparte la 'Raccolta Differenziata', 2 milioni per l'obiettivo del 50%. Il sindaco ai foggiani: "Collaborate"

Obiettivo 50% entro la fine dell’anno, nella consapevolezza che non si parte da zero in tema di raccolta differenziata a Foggia (il 2017 ha fatto registrare il 26.48%, dal 3,5 del 2013), e nell’auspicio che i cittadini collaborino

 

L’investimento vale due milioni di euro, divide la zona in tre aree e si affida a due modalità di nuova raccolta: di prossimità con isole ecologiche (area blu e area gialla); domiciliare con il porta a porta nell’area rossa, quartieri settecenteschi e vie adiacenti, che tuttavia entrerà a regime in autunno, tempo di perfezionare il progetto. Le prime due aree, invece, partiranno già da stanotte con la distribuzione dei 1200 nuovi cassonetti.

La conferenza stampa completa: il link del video

Oggi in Comune la conferenza stampa alla presenza dello stato maggiore di Amiu Puglia, dei componenti foggiani del cda, dell’assessore all’Ambiente Francesco Morese. “Va a perfezionamento un percorso iniziato da due anni a questa parte, oggi possibile perché si è conclusa la riorganizzazione interna, approvati, seppur tardivamente, i bilanci, non si lavora più in dodicesimi, si è finalmente avviato un nuovo processo di investimenti, anche interni che vedranno le prime 50 unità passare da part a full time” annunciano il presidente di Amiu Puglia, Sabino Persichella, e il direttore, l’ingegner Antonio Di Biase. Mentre l’assessore Morese ricorda come il problema reale sia quello dell’impiantistica, in particolare il compostaggio, per la lavorazione dell’umido. Impianti non ce ne sono, a breve chiuderà anche Ginosa, Foggia allo stato lavora a Modugno ma si è candidata per essere sede di un impianto proprio qui, nel capoluogo.

Ci saranno orari precisi di ritiro dei rifiuti e controlli, affidati anche alle guardie zoofile, una mappa georefenziata riuscirà a far sapere in tempo reale la situazione di ogni cassonetti e di ogni isola ecologica. Il progetto, duale, sarebbe quello che meglio risponde alle caratteristiche urbanistiche della città, sulla scorta di quanto avviene a Bari e in altre città del Nord.

Almeno 13 punti percentuali quelli che bisognerà incrementare nel breve termine, per scongiurare l’aumento dell’ecotassa. Segnalazioni e problemi potranno essere comunicati anche attraverso la pagina fb dedicata.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento