A Manfredonia nave con 5500 tonnellate di grano estero. Fissato il prezzo al quintale: 23 euro

Confagricoltura Foggia: controlli più serrati sulle navi di grano duro dall’estero: “Il mercato locale rischia di essere disturbato da questi nuovi arrivi”

La nave da Malta a Manfredonia

La nave ‘Michelle’ battente bandiera maltese arrivata qualche giorno fa nel porto di Manfredonia, stazza di 5500 tonnellate di grano duro, secondo la Confagricoltura di Foggia "evidenzia ancora una volta un sistema di importazioni ormai fuori controllo e di dubbia provenienza, alla luce del maxi-sequestro operato dalla Procura di Bari qualche giorno fa su analogo carico nel porto del capoluogo pugliese", sulla quale però sembrerebbe che le analisi non abbiano riscontrato valori oltre la norma. “Ci auguriamo che le autorità competenti all’interno del porto di Manfredonia abbiano effettuato tutti i controlli del caso anche sul quantitativo della nave maltese, ma non possiamo nel contempo dichiarare la nostra preoccupazione per i continui sbarchi di quantitativi di grano duro che - pur necessari per il fabbisogno nazionale ai fini del consumo di paste alimentari - espongono il consumatore a rischi per la salute non del tutto calcolati”.

Confagricoltura Foggia intende nel contempo sottolineare con soddisfazione la prima quotazione di prezzo del nuovo raccolto di grano duro a cui è giunta la Commissione prezzi della Camera di commercio di Foggia. Una quotazione di 23 euro al quintale per il grano duro fino resa possibile - va precisato - grazie alle fatture sulle contrattazioni effettuate durante l’ultima settimana depositate da molti dei nostri agricoltori associati. Ricordiamo, infatti, che nelle settimane precedenti in Commissione prezzi la rappresentanza dei commercianti aveva insistito affinché il prezzo del grano non si schiodasse dai 18 euro a quintale del vecchio raccolto anche in presenza di un nuova e più proficua produzione che ha raggiunto stabilmente i 12.5 di proteine come attesta l’ultimo bollettino settimanale. Una svolta per la produzione granaria in provincia di Foggia che va - riteniamo - nella direzione di un mercato molto più qualificato e coeso, come dimostrano i numerosi contratti di filiera sottoscritti da migliaia di agricoltori e che fissano stabilmente parametri di riferimento significativi a giudicare da una media di prezzo a 28 euro al quintale per 14 di proteine.

L’auspicio è che questa ripresa del mercato anche in Capitanata e la contestuale ripresa delle trattative commerciali non vengano disturbate dai continui flussi di navi stracariche di grano dall’estero. Confagricoltura Foggia raccomanda vivamente ai propri associati cerealicoltori di puntare, in fase di vendita alla massima valorizzazione del prodotto senza cedere a manovre speculative.

Confagricoltura Foggia è impegnata sin da ora alla costruzione di una "Op" granicola "che immaginiamo da settembre possa cominciare a mettere le basi al fine di fare degli agricoltori che vi aderiranno una massa critica ascoltata. Abbiamo bisogno di più semplicità nella catena decisionale e nella riduzione degli interlocutori che si frappongono fra il produttore e il destinatario finale dell’industria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento