menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Un'altra notizia devastante". Psr, il Tar annulla anche la graduatoria dei giovani agricoltori

Il consigliere regionale Di Gioia non nasconde l'amarezza: "Sotto la mia gestione, per tempo, avevamo predisposto le necessarie modifiche sostanziali alla programmazione. Era pronto anche un bando di supporto che potesse ripristinare criteri di giustizia in tema di primo insediamento. Anche questo fu accantonato"

“Il Tar di Bari, ieri, 10 giugno, con sentenza ha travolto, annullandola, anche la graduatoria della misura 6.1, quella del primo insediamento per i giovani agricoltori fino a 40 anni. Un'altra notizia devastante per la Regione e per l’Autorità di gestione PSR, che – imperterrita - sul finire dello scorso anno, in preda a furore amministrativo, ha incautamente ‘elargito’ concessioni e inviti ad insediarsi senza prudenza alcuna. L'obiettivo, in tutta evidenza, era solo quello di simulare la spesa per raggiungere i target (che pure, nonostante tutto, sono rimasti non conseguiti)". Non nasconde l'amarezza il consigliere regionale, ed ex assessore all'agricoltura, Leo Di Gioia, sulla decisione del Tar che nella giornata di ieri ha annullato anche la graduatoria relativa ai giovani agricoltori fino ai 40 anni. 

“Sotto la mia gestione, per tempo, avevamo predisposto le necessarie modifiche sostanziali alla programmazione. Era pronto anche un bando di supporto che potesse ripristinare criteri di giustizia in tema di primo insediamento. Anche questo fu accantonato a causa di scelte scellerate di chi ha assunto, dopo di me, la responsabilità politica della materia. Tanto lavoro vanificato! Eppure, anche questo lo avevamo previsto e denunciato pubblicamente", spiega Di Gioia, che poi rincara: "I guai non finiscono qui: prima che esploda tutto e prima di addivenire alle nuove graduatorie (i cui tempi sono indefiniti e la cui tenuta sociale è da verificare, visto che ci saranno troppe aziende a cui si dovrà chiedere di restituire i finanziamenti) si revochi immediatamente la determina 230 del 2019 che contiene disposizioni illogiche e contrarie al principio di buona amministrazione e che potrebbe provocare ulteriori danni al PSR". 

“La Puglia si avvia ad uno sforamento sulla spesa da certificare per l’anno 2020 vicina ai 200 milioni. Paradossalmente - conclude il consigliere regionale - solo l'emergenza Covid potrà arginare questi danni, poiché nel caos della pandemia e nella richiesta di deroghe generalizzate, si potrà forse sperare di convincere qualcuno a Bruxelles a non essere troppo severo. Magra consolazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento