Fino a 320 ore di lavoro, i lavoratori della Cosmopol insorgono: “Basta essere sfruttati”

La protesta di undici dipendenti arriva attraverso il Segretario Confederale usspi Di Fonso: "Sono stati costretti a licenziarsi a causa dello sfruttamento e degli orari proibitivi"

Sarebbero stati costretti a licenziarsi per sfuggire allo sfruttamento e agli orari proibitivi nei quali erano costretti a lavorare. Queste le parole di Massimiliano Di Fonso, segretario Confederale Usppi, in merito alla situazione in cui verserebbero undici lavoratori dell’Istituto vigilanza Cosmopol.

Di Fonso fa riferimento alla diatriba tra Cosmopol e Metropol, in seguito alla quale gli undici (ex) dipendenti - "sono finiti a lavorare tra i campi eolici e le centrali elettriche installati tra Bisaccia e Lacedonia, e addirittura a Napoli".

Sempre secondo il sindacalista, i dipendenti sarebbero stati sottoposti a turni estenuanti, ai quali bisognava sommare le due ore di viaggio per recarsi presso le postazioni e tornare nella propria città. “Al mese gli stessi lavoratori riuscivano a raggiungere 320 ore di lavoro, altro che schiavitù”. Una situazione ingestibile durata 13 mesi prima di dire basta, anche in virtù di una proposta contrattuale “ibrida, senza nulla a pretendere” rincara Di Fonso.

Massimiliano Di Fonso promette battaglia: “Quanto accaduto non può non essere preso in considerazione dalle istituzioni preposte, che hanno l’obbligo di vigilare ed evitare simili abusi. Presto denunceremo il tutto agli organi giudiziari, ma vogliamo far capire a molti che Foggia è terra di conquista per alcune aziende, che sulle spalle dei lavoratori fanno affari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento