rotate-mobile
Economia Manfredonia

“Il futuro della città va in porto!”: le ipotesi di sviluppo per il molo di Manfredonia

L’Autorità Portuale presenta le linee guida per la redazione del piano regolatore portuale. Un progetto innovativo, per una visione nuova dell'infrastruttura che la consacra come elemento totalmente connesso ed integrato alla città

A circa due mesi dalla storica apertura dei cantieri per la manutenzione straordinaria della pavimentazione delle banchine, della rete di smaltimento delle acque meteoriche e di quelle nere e il riordino dei sottoservizi nel porto commerciale, l’Autorità Portuale di Manfredonia presenta una nuova visione del porto di Manfredonia, che ne riscrive la storia e le modalità di fruizione e lo consacra ad elemento totalmente connesso ed integrato alla città.

Ciò sarà possibile grazie al “Piano di sviluppo del porto di Manfredonia, linee guida per la redazione del piano regolatore portuale”, un attento studio del contesto, delle infrastrutture portuali e del territorio di riferimento, che contiene la definizione degli obiettivi di crescita del sistema infrastrutturale realizzato dalla Acquatecno, leader nazionale nel settore.

La proposta progettuale ha consentito di delineare un ampio ventaglio di possibilità di rilancio per il porto di Manfredonia che potrà qualificarsi come terminale marittimo di riferimento lungo le direttrici di traffico nazionali ed internazionali individuate dai corridoi trans-europei I e VIII, porto multifunzionale al servizio del proprio territorio di riferimento, ovvero l’intera Capitanata.

Ancora, centro d’eccellenza per la lavorazione del pescato “Distretto della Pesca” e per la cantieristica tradizionale “Distretto della cantieristica storica”, infine, terminale marittimo di riferimento per gli itinerari ambientali e turistici caratterizzanti la costa e l’entroterra del nord della Puglia, nonché per gli itinerari turistico – religiosi le cui mete principali sono i santuari di S. Pio a San Giovanni Rotondo e di S. Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo.

SCARICA LA SCHEDA DEL PROGETTO:  SCHEDA Autorit_ Portuale_Piano di Sviluppo-2

L’obiettivo generale è quello della sistemazione e completamento dell’area funzionalmente e logisticamente collegata al Mercato Ittico e situata in una posizione strategica all’interno dell’area portuale, sulla Banchina di Tramontana, con servizi funzionali alle attività di pesca e di potenziamento dell’intero settore.

Inoltre, si procederà all’adeguamento dei punti di sbarco alla normativa vigente in materia di sicurezza alimentare e riqualificazione delle banchine, per la messa in sicurezza dei pescatori durante la fase di sbarco e di lavoro, nonché al miglioramento dei servizi a terra per i pescatori e tutto il personale tramite l'installazione di 2 blocchi prefabbricati da adibire a bagni pubblici, uno sulla banchina di Tramontana e uno sul Molo di Levante.

Saranno messi a disposizione degli operatori della pesca dei piccoli magazzini per migliorare le condizioni igieniche della conservazione, diminuirne l’usura dovuta alla prolungata esposizione alle condizioni atmosferiche e ridurre la possibilità di sottrazione delle reti e degli attrezzi di lavoro, ad oggi lasciati incustoditi sulle banchine. Infine, sarà assicurato ai pescatori un luogo sicuro ed adeguato al lavoro delle reti attraverso la sistemazione di un'area demaniale interna alla Banchina di Tramontana, di circa 1.500 mq di superficie.

Ultimo, ma non ultimo, lo sblocco - circa due mesi fa - dei cantieri per l’ammodernamento dei moli commerciali, ovvero un forte segnale per il settore e per l’intera città, pronti a (ri)lanciarsi in un futuro con meno incognite e con più opportunità, ad un livello di competitività maggiore per la pesca ed il suo indotto. L’appalto ha per oggetto lavori di manutenzione straordinaria della pavimentazione delle banchine, della rete di smaltimento delle acque meteoriche e di quelle nere e il riordino dei sottoservizi nel porto commerciale di Manfredonia.

Nella sostanza, si procederà alla ripavimentazione stradale, al riordino e all’ampliamento della rete idrica e di quella fognante, e si procederà alla realizzazione dell’impianto di smaltimento delle acque meteoriche. Importante l’intervento per rendere sostenibile l’impianto d’illuminazione, pensato per ridurne impatto e consumi; verrà poi messo in opera il sistema di trattamento delle acque di sentina.

Superfici riservate al parcheggio, opere di arredo urbano, nuovi servizi igienici, zone Wi-Fi, aree per la pesca sportiva completano il progetto. Ne emerge, sullo sfondo, l’idea di un porto “integrato”, che disegna un sistema portuale del tutto nuovo, fornito di una logistica avanzata e potenzialmente aperto all’intera città. Quella che si delinea, dunque, è una nuova visione del porto di Manfredonia, che ne riscrive la storia e le modalità di fruizione e lo consacra ad elemento totalmente connesso ed integrato alla città.

FOTO | Ipotesi progettuali Piano svilluppo del porto di Manfredonia

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il futuro della città va in porto!”: le ipotesi di sviluppo per il molo di Manfredonia

FoggiaToday è in caricamento