rotate-mobile
Economia

La cucina foggiana batte quella francese. I prodotti nostrani conquistano le aziende d'oltralpe

Al "Mangia come parli", cena di benvenuto per il progetto export che vedrà protagonisti due laureandi francesi impegnati nell'esportazione del territorio foggiano

La Francia è più vicina alla Puglia. In pochi giorni dall’avvio del progetto di internazionalizzazione dei prodotti agroalimentari della provincia di Foggia ci sono già i primi contatti. Hanno mostrato particolare interesse aziende importanti d’oltralpe che vogliono conoscere più da vicino i prodotti del nostro territorio.

C’è chi vorrebbe importarli in Francia con un proprio marchio e chi è pronto a scendere in Puglia per incontrare i rappresentanti delle aziende e provare direttamente i prodotti. E’ stato mostrato particolare interesse per pasta, sottoli, mozzarella di bufala, prodotti da forno, ma anche vino e olio.

Intanto, ieri sera si è tenuta nel punto ristoro “Mangia come parli” di piazza Federico II una cena di benvenuto all’avvio del progetto e a Victor e Lucille, i due laureandi francesi che si occuperanno per tutta l’estate di esportare il nostro territorio, sia dal punto di vista dei prodotti agroalimentari che dal punto di vista turistico. Per la sfida a tavola, dalla Francia sono giunti prodotti di largo consumo, alcuni tipici della Bretagna, in particolar modo sgombro, tonno, sardine e tanto paté, accompagnati da un vino rosso tipico delle regioni del Sud del Paese.

I foggiani hanno apprezzato la tipicità francese ma abituati ai sapori della nostra terra hanno fatto vincere questa sfida culinaria alla cucina e ai prodotti del territorio. L’ennesima conferma che bisogna puntare su prodotti di qualità e di cui abbiamo la certezza della provenienza. Consumare i prodotti locali significa far vincere il territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cucina foggiana batte quella francese. I prodotti nostrani conquistano le aziende d'oltralpe

FoggiaToday è in caricamento