Otto anni di DI.OR.: il liceo Marconi capofila del progetto tra scuole e Unifg

Concluso il laboratorio di Chimica per gli studenti che hanno partecipato al progetto di Didattica Orientativa in ambito scientifico, un percorso che coinvolge docenti e studenti

Si è conclusa nei giorni scorsi la Summer Chemistry Lab, Laboratorio teorico-pratico di Chimica, a cura del dott. Roberto Di Caterina, presso il Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Foggia, per gli studenti che hanno partecipato quest’anno al Progetto DI.OR., Didattica Orientativa in Ambito Scientifico. Si tratta di un percorso di formazione e di ricerca-azione di docenti sperimentatori e studenti del secondo biennio e quinto anno delle scuole superiori, che il Dipartimento di Scienze Agrarie dell’ateneo foggiano realizza dal 2009 con una rete di sette istituti: Liceo Marconi - Scuola Capofila -, Liceo Lanza, Liceo Volta, Liceo Poerio di Foggia, Liceo Bonghi di Lucera, Istituto Tecnico Tecnologico-Altamura Da Vinci, I.I.S.S Notarangelo di Foggia. Centinaia gli studenti che in questi 8 anni hanno arricchito il proprio bagaglio di conoscenze scientifiche, potenziato le proprie competenze, grazie a questo progetto che in maniera originale ed efficace collega il mondo della scuola a quello dell’università.

DI.OR. nasce come progetto di orientamento attivo per gli studenti delle scuole di Capitanata.  Due i percorsi previsti. Il “Progress” prevede attività di aggiornamento scientifico e pratica laboratoriale dei docenti e dei loro studenti e la sperimentazione di nuovi modelli e strumenti di orientamento, capaci di rendere più attraenti gli studi scientifici. Il percorso “Advanced” prevede invece la frequenza degli studenti delle classi quarte e quinte della rete ampliata ad altri quattro istituti, a specifici moduli formativi dei corsi di laurea triennali in Scienze e tecnologie alimentari e di Scienze e tecnologie agrarie, Scienze gastronomiche ed Ingegneria dei sistemi logistici per l’agroalimentare. Gli studenti, in pratica, seguono già le lezioni universitarie. La frequenza dei singoli  moduli formativi con verifica finale dell’apprendimento (test- relazione-colloquio), dà diritto al riconoscimento di CFU (crediti formativi universitari)  nel caso in cui lo studente si iscriva a un corso di laurea del Dipartimento di Scienze Agrarie. Un’iniziativa che lo stesso direttore del Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente, prof. Agostino Sevi, in più occasioni ha definito “un’esperienza positiva, che sviluppa nei ragazzi una scelta consapevole e matura rispetto a quelli che saranno i loro studi universitari".

Questi in dettaglio gli ambiti disciplinari che hanno dato la possibilità a studenti e docenti di sviluppare nuove competenze: Genomica, Proteomica, Microbiologia, Chimica analitica, Biochimica, Bioinformatica, Botanica, Zoologia ed Entomologia Agraria, Chimica del suolo, Produzioni vegetali e animali, Parassitologia e Sanità pubblica. Settori di ricerca che hanno potenziato con successo Matematica, Biologia, Chimica e Fisica, essenziali per strutturare il sapere scientifico.

Il progetto ha anche l’obiettivo di sviluppare negli studenti le competenze di base per condurre un’indagine di ricerca scientifica e comunicarne gli esiti, secondo le modalità proprie della comunità scientifica internazionale integrate alle competenze digitali.

La comunicazione, del resto, è stata, in questi 8 anni, trasversale alle discipline e agli ambiti di ricerca (si pensi ai seminari sulla multimedialità e comunicazione condotti dal prof. Maurizio Quinto), strategica per il successivo rilancio di ogni programmazione biennale, a cominciare dal primo seminario conclusivo, dopo il primo anno di ricerca, nell’ormai lontano dicembre del 2010. Più recentemente la Giornata di diffusione delle attività DI.OR. Il 23 febbraio del 2016, ha reso gli studenti protagonisti attivi, divulgatori, delle indagini realizzate grazie al lavoro di ricerca presso i laboratori dell’ateneo foggiano.

A conclusione del quarto biennio, lo scorso mese di maggio, il seminario condotto dal prof. Massimo Monteleone ha puntato l’attenzione sulla Bioeconomia, con riferimento a Horizon 2020 - Research and Innovation programmers.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Blitz antidroga nell'alto Tavoliere: una dozzina di arresti e perquisizioni nell'operazione 'Jolly'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento