rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Economia Cerignola

Nei terreni confiscati alla mafia si produce il 'pomodoro libero'

La cooperativa, che produce e trasforma pomodoro presso il laboratorio di legalità ‘Francesco Marcone’, bene confiscato alla mafia che gestisce a Cerignola dal 2010, continua la sua azione di sensibilizzazione al consumo critico, fondata sulla lotta al caporalato

E? partito ?Il viaggio di un pomodoro?, il nuovo progetto della cooperativa sociale ?Pietra di Scarto? realizzato con il sostegno della Regione Puglia, dipartimento Sviluppo Economico ? sezione Attività Economiche artigianali e Artigianali, in collaborazione con una rete di partner territoriali come la libreria ?L?Albero dei Fichi?, il V circolo didattico ?Don Giuseppe Puglisi? di Cerignola, l?I.c. ?Aldo Moro? di Stornarella e l?Itet ?Dante Alighieri, sempre di Cerignola.

La cooperativa, che produce e trasforma pomodoro presso il laboratorio di legalità ?Francesco Marcone?, bene confiscato alla mafia che gestisce a Cerignola dal 2010, continua la sua azione di sensibilizzazione al consumo critico, fondata sulla lotta al caporalato. ?Per prima cosa va evidenziato come questo progetto sia reso possibile grazie al sostegno della legge regionale 32/14 per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale, elemento non relativo per chi, come noi, si occupa da sempre di queste tematiche e che pone la nostra Regione all?avanguardia sul panorama nazionale, nonostante siano passati otto anni dalla sua approvazione?, afferma Pietro Fragasso, coordinatore del progetto e presidente di ?Pietra di Scarto?, organizzazione socia di Altromercato e certificata Equo Garantito. ?In questa nuova iniziativa abbiamo voluto raccontare la filiera del pomodoro ? dalle sue origini ad oggi - direttamente alle studentesse e agli studenti attraverso una serie di incontri , utilizzando anche elementi ludici e coinvolgenti, senza dimenticare le lotte bracciantili, l?azione di Giuseppe Di Vittorio, i canti di Matteo Salvatore e i fenomeni di sfruttamento vecchi e nuovi che al prezioso frutto rosso sono collegati?.

?Il viaggio è già cominciato!? ? continua Marianna Longo, della libreria ?L?Albero dei Fichi?, che con Fragasso si occupa di animare il percorso. ?Da febbraio stiamo incontrando le alunne e gli alunni direttamente a scuola e concluderemo il percorso con una visita didattica presso il laboratorio di legalità ?Francesco Marcone?, per far sperimentare di persona dove e come si coltivano e si trasformano i ?pomodori liberi?.

All?attività formativa per le scuole si affianca un percorso di eventi di sensibilizzazione destinati alla cittadinanza con ospiti di livello nazionale come Marco Omizzolo, sociologo e ricercatore Eurispes, autore di ?Sotto padrone ? Uomini, donne e caporali nell?agromafia?, Fabio Ciconte, direttore dell?asociazione ?Terra! Onlus? e Alessandro Franceschini, presidente di Altromercato e autore del libro ?Consumi o scegli??.

Oltre a queste, altre iniziative racconteranno l?economia solidale e i suoi principi a piccoli e grandi utilizzando linguaggi e modalità differenti. ?Abbiamo fortemente voluto raccontare ai più giovani, consumatori di domani, cosa si può nascondere dietro un semplice acquisto di un prodotto quotidiano ed emblematico come la passata di pomodoro. Stimolarli a comprendere come il ruolo di ciascuno di noi, consumatori e cittadini, è decisivo per il cambiamento di alcune dinamiche di oppressione di altri esseri umani, è certamente  uno degli obiettivi prioritari di questo viaggio? conclude Fragasso

Al progetto è collegata anche un?altra novità: l?organizzazione, proprio a Cerignola, della Giornata Regionale del Commercio Equo e Solidale, che si svolgerà a Maggio con numerosi ospiti, incontri, laboratori e degustazioni destinate a piccoli e grandi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nei terreni confiscati alla mafia si produce il 'pomodoro libero'

FoggiaToday è in caricamento