menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dal profilo FB comune di manfredonia

Dal profilo FB comune di manfredonia

Il Comune di Manfredonia: "Abbiamo cambiato il volto della città nonostante tagli per 11 milioni"

L'assessore al Bilancio: "Messe in atto innumerevoli azioni dall'Amministrazione per razionalizzare la spesa ed evitare ricadute sul tessuto economico della città"

La situazione economica del Comune di Manfredonia è critica, simile a quella di molti comuni italiani. L’assessore al Bilancio e Patrimonio Pasquale Rinaldi gioca a carte scoperte, e tranquillizza la cittadinanza illustrando le “innumerevoli le azioni messe in campo dall’Amministrazione per razionalizzare la spesa” ed evitare ricadute sul tessuto economico della città.

“La situazione economica del Comune di Manfredonia non è affatto drammatica, come qualcuno dipinge a tinte fosche, bensì critica e riviene dal taglio ai trasferimenti di risorse finanziarie agli enti locali”. Il Comune di Manfredonia è stato interessato da questi tagli per circa 11 milioni di euro in soli cinque anni. “Il dato di 52.545.000,00 euro propagandato da qualcuno, che parla di un forte indebitamento nel 2014, è del tutto falso in tale contesto, visto che si tratta, invece, del residuo debiti dei mutui contratti dal 1980 al 31 dicembre 2014”.

Continua Rinaldi: “La nostra città ha cambiato volto, in meglio: sono state realizzate scuole, palestre, il lungomare che costeggia gli stabilimenti balneari e quello che porta a Siponto, è stato rifatto il corso cittadino. Opere pubbliche che hanno reso Manfredonia affascinante, attrattiva e maggiormente vivibile per la nostra comunità. Alla stessa stregua, è fuori luogo parlare di ‘rilievi’ mossi dalla Corte dei Conti al nostro Comune, perché esse sono richieste istruttorie”.

“E chi teme – aggiunge l’assessore Rinaldi - che non vi possa essere la giusta informazione al riguardo, può tenere a freno i propri dubbi: le normative vigenti prevedono che le pronunce vadano pubblicate sul sito istituzionale dell’ente, è un obbligo”. La Corte dei Conti accerta di chi sono le responsabilità, qualora ve ne siano. “Per quanto ci riguarda – prosegue l’assessore al Bilancio - abbiamo avuto grande attenzione nel razionalizzare la spesa, nell’arco di questi anni”.

“Innumerevoli le azioni messe in campo: dal taglio al parco auto alla riformulazione dei cronoprogrammi di pagamento delle spese correnti e in conto capitale, passando per i fitti passivi e le spese inerenti la gestione del verde pubblico, per giungere all’alienazione dei beni immobili non strategici ed alla rinegoziazione dei contratti in essere, per ottenere risparmi di spesa a breve e medio-lungo termine”.

Si parla di ‘spettro del dissesto finanziario’ quasi come se si augurasse ciò alla nostra città. “Non si è compreso – conclude Pasquale Rinaldi - che l’Amministrazione comunale continuerà a lavorare per evitare che ciò accada, perché una tale situazione avrebbe ripercussioni su tutto il tessuto economico della città”. Cosa significa? “Che si avrebbe la riduzioni dei servizi, anche di quelli che, nonostante le note difficoltà, si riescono ancora a fornire alla collettività”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento