Produzione del pomodoro a rischio, senza un prezzo equo ed etico

Gli industriali non hanno ancora convocato le organizzazioni agricole per fissare il prezzo del pomodoro. Michele Ferrandino: “Sotto gli 11 centesimi al chilo non conviene produrre”

Immagine d'archivio

Il presidente provinciale di Foggia della CIA-Agricoltori Italiani, Michele Ferrandino si dice preoccupato perché le trattative tra produttori e industrie di trasformazione per definire il prezzo del pomodoro sono ancora ferme al palo, nonostante dovessero essere già chiuse per consentire alle aziende la programmazione colturale. "Siamo arrivati all'inizio della campagna del pomodoro e non abbiamo stabilito né contratti né prezzi. Siamo in balia delle onde".

Prosegue Ferrandino: "Gli industriali non si fanno sentire e abbiamo difficoltà a confrontarci con il distretto del Nord e probabilmente saremo tagliati fuori da un'iniziativa finanziata con fondi europei che la Confederazione Italiana Agricoltori ha promosso a livello nazionale per comunicare il nostro prodotto all'estero. Questo perché non siamo coesi, il distretto del pomodoro è fermo e non decolla al Sud. Gli agricoltori ci stanno chiedendo giorno dopo giorno quando stabiliremo il prezzo. La parte industriale non ci ha assolutamente convocati. Mi assumo la responsabilità di quello che dico: personalmente, non vedo l'interesse di acquisizione del prodotto rispetto agli anni scorsi. Ed è già tardi".

A preoccupare la CIA-Agricoltori Italiani di Capitanata sono anche le previsioni sul prezzo ventilate fino ad oggi: si parla di 7 centesimi al chilo per il pomodoro tondo e 8,50 centesimi per il lungo. Inaccettabili prezzi al ribasso che non bastano nemmeno a coprire le spese. "Non ci siamo, è un'offesa agli agricoltori. A queste condizioni non so se conviene produrre oppure stare fermi. Purtroppo è tardi. Quello che chiediamo è un prezzo equo ed etico, conforme alle spese che un agricoltore sostiene. Sotto i 10 e gli 11 centesimi al chilo non si può produrre pomodoro. Mi auguro che gli industriali capiscano e ci si incontri quanto prima intorno a un tavolo per stabilire un accordo che possa soddisfare sia la parte industriale che quella agricola".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento