Prezzo del Grano, Copagri: “Produttori penalizzati, necessaria lobby"

Il presidente provinciale Luigi Inneo: "E’ necessario pretendere dal Governo il fregio del ‘made in Italy’"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“Non riusciamo a capire come si faccia a dire che i produttori di grano duro e i mugnai siano sulla stessa barca”. Ad affermarlo è il presidente provinciale della Copagri di Foggia, Luigi Inneo, secondo il quale “i produttori sono quelli maggiormente penalizzati, visto che non riescono nemmeno a recuperare le spese di produzione nonostante il prezzo finale della pasta continua a salire".

"Invitiamo pertanto i nostri produttori – prosegue Inneo - a fare finalmente lobby come gli altri settori della trasformazione del grano duro. Non dobbiamo più svendere il nostro prodotto: meglio tenerlo invenduto, fare massa critica per determinare il prezzo di vendita”.

Per la Confederazione Produttori Agricoli “falso attribuire il maggior prezzo sulle piazze di Bologna e Milano al maggior costo di trasporto perché i più grandi pastifici sono in Puglia, come la Barilla che è venuta qui da Parma. Inoltre, stranamente, sembra quasi fatto a orologeria l’arrivo di una nave carica di grano duro canadese o di altre nazioni. Se la pasta la fate con il grano estero – rileva Inneo - mettete la bandierina del Paese che v’invia il grano e non dite che è pasta fatta con grano italiano. E’ arrivato il momento di pretendere dal Governo che il fregio del ‘made in Italy’ deve essere dato solo – conclude – agli alimenti fatti esclusivamente con i prodotti coltivati in Italia”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento