Economia

Dirigenti comunali premiati, si divideranno 130mila euro: promosso anche Biagini

Secondo l'Oivp il piano degli obiettivi del Comune è stato ampiamente soddisfatto. Raggiunti obiettivi prefissati dal Comune di Foggia nel 2012

Non saranno gli oltre 500mila euro che destarono scandalo due anni fa, quando tutti presero il massimo dei voti. Ma i dirigenti del Comune di Foggia incassano un bel gruzzolo anche questa volta a titolo di retribuzione di risultato. Oltre 130mila euro il "premio" che si divideranno quest'anno per avere raggiunto tutti "gli obiettivi prefissati dal Comune di Foggia" nel 2012. E' questa, infatti, l'annualità presa in esame nelle relazioni dell'Oivp tra novembre 2013 e maggio 2014, liquidata solo nel 2015 con determina a firma del dirigente competente, Claudio Taggio.

In 7 mesi i componenti dell'Organismo indipendente di valutazione delle performance, Silvio De Pascale, Lorenzo Botticelli e Pierangela Armandi, hanno analizzato l'operato delle 13 posizioni dirigenziali, delle 6 Alte Professionalità e delle 41 posizioni organizzative dell'Ente giungendo alla conclusione che vi è piena corrispondenza rispetto agli obiettivi indicati dall'amministrazione (precedente) con deliberazione 20 dicembre 2012. Per carità, nulla di paragonabile rispetto allo scandalo dei cd. "30 politici" assegnati ai dirigenti due anni fa, anzitutto in virtù dello stato, giudicato da più parti "insufficiente", dei servizi resi alla città; ma tutti, proprio tutti, meritano un punteggio che va in larga parte oltre la sufficienza per aver svolto prestazioni "superiori alle aspettative del ruolo" nei settori di competenza dell'epoca. E quindi tutti destinatari della somma liquidata e che solo per ciò che concerne le figure apicali della tecnostruttura ammonta a 133mila euro (su un fondo contrattuale complessivo per il 2012 di 223mila euro), con premialità individuali che vanno da un minimo di 10mila sino a 15mila euro a testa.

Su una scala di valori fino a 100, il miglior punteggio va al dirigente del settore Servizi Finanziari, Carlo Dicesare, che prende il massimo dei voti: 90, per prestazioni "notevolmente superiori" alle aspettative del ruolo (la redazione del piano di rientro ed il controllo serrato sulle finanze dell'ente alla base del giudizio espresso dall'Oivp). Dietro di lui il dirigente dell'Urbanistica dell'epoca, Paolo Affatato, anch'egli promosso con un lusinghiero 85 per aver svolto prestazioni in misura "superiore alle aspettative"; stessa dicitura che si evidenzia nel profilo di Claudio Taggio, Politiche fiscali, e del dirigente dell'Avvocatura, Domenica Dragonetti, a cui va un rotondo 80.

"Superiore alle aspettative" anche se con un punteggio di 65 sono state anche le prestazioni del dirigente della Polizia Municipale, Romeo delle Noci. Qui la posizione dell'Oivp è controversa: per quanto l'organismo rilevi che "il livello dei servizi alla città non mostri risultati apprezzati dalla comunità", vengono promosse ed elencate le misure messe in campo di: prevenzione e repressione dei comportamenti illeciti, misure a difesa e tutela dei cittadini per strada, servizi di viabilità in occasione di grandi eventi, attività di sgombero, antiaccattonaggio ed antiprostituzione, attuazione del patto per Foggia sicura, intensificazione del contrasto a sosta selvaggia.

Sempre "superiori alle aspettative" ed punteggio pari a 75 si classificano Angelo Masciello (presidenza del consiglio, aziende partecipate e decentramento) e Gloria Fazia (Servizio Cultura e Politiche scolastiche); "superiore alle aspettative del ruolo" anche Nicola Ruffo (servizio demografico e statistico, risorse umane) ed Antonio Stanchi (servizio informatico) che prendono 70.

In coda alla classifica (60 punti) ma in ogni caso "promossi" e destinatari di "premialità" i dirigenti del servizio Contratto e Appalti Ernesto Festa, del servizio Politiche abitative Angelo Mansella, il dirigente allo Sport Michele Paglia; in basso classifica ma con "prestazioni corrispondenti alle aspettative del ruolo" anche Fernando Biagini, il dirigente del Suap successivamente arrestato per lo scandalo delle tangenti che un anno fa ha fatto tremare il Comune di Foggia. Per quest'ultimo, tuttavia, la determina non prevede alcuna somma da erogare.

Insomma, stando alle valutazione dell'Oivp, il piano degli obiettivi del Comune è stato ampiamente soddisfatto. Un piano che dovrebbe corrispondere ai servizi resi alla città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dirigenti comunali premiati, si divideranno 130mila euro: promosso anche Biagini
FoggiaToday è in caricamento